Quelle “Censurate” che stuzzicano la censura…

Quelle "Censurate" che stuzzicano la censura...
Le censurate sono libri in numero limitatissimo di copie in cui l'editore Pulcinoelefante compie un'operazione paradossale, cioè si autocensura

L’universo poetico di Marco Luppi. Nutrimento filosofico e civile.

Scatole di cartone Così ci lasciamo/con foglie di Walt sul cuscino/che avrebbero potuto diventare d’argento/viste anche solo da un po’ più lontano. Perché siamo felici fino a quando/abbiamo una solitudine da difendere/e se ci sembra tanto difficile da condividere,/è perché manifestarsi è un po’ come...

Ulisse Casartelli. Nella stanza della poesia, tra felicità e tragicità

La poesia di oggi sarà accoglierti a braccia aperte, smussare gli angoli ricoprendo di cotone i miei spigoli. Non fingerò di essere buono e la smetterò di difendermi da un dolore antico che come un gancio mi riporta a quando ero bambino. La poesia di oggi sarà prendere per mano la mia bimba e raccogliere...

Quel corpo a corpo con le parole nella poesia di Marco Colonna

Questo nostro resistere visibile, fare muro, che si misura con il tempo altrui, ché la breccia è altrove nello spazio, dentro, così dentro noi che nostro è il cedimento, la sconfitta invisibile di giorni che premono la fine dei giorni sempre sempre, sempre, sempre. *** Tutto fa teatro dell'assurdo vivere, spettacolo dei tempi nostri, stupìti noi che siamo nel...

Il valore del tempo e di se stessi. I versi di Gian Ruggero Manzoni

L'acqua è uscita dalle sponde e fa da letto alle radici di betulla. Il gibbo che ti gonfia le spalle scivola da spia nel mondo degli adulti. Non comprendo la disumana volontà di sopraffarsi, ma quella mi abita con voce che non mi appartiene, perché esce tronfia...

La Ville Lumière riluce nel bâtiment di un ospedale pediatrico

il giornale off
Senso di vertigine è quanto si prova nel leggere la recentissima silloge di Giuseppe Vanni - edita da Fara Editore - dal titolo Paris Necker, dove sullo sfondo di una Parigi monumentale dalle architetture ispirate al trionfale ottimismo ottocentesco, il poeta affronta a...

“Il linguaggio nudo” di Massimo Arrigoni, chirurgo del corpo poetico

"Il linguaggio nudo" di Massimo Arrigoni, chirurgo del corpo poetico
Il linguaggio nudo" di "Massimo Arrigoni: ““sezionare” in senso chirurgico il corpo poetico che va letteralmente “fatto a pezzi”.

“D’ora in poi”, quel canto disperatamente forte di Adalgisa Zanotto

D'ora in poi. La poesia di Adalgisa Zanotto è un canto di disperazione
Coraggio è indubbiamente la prima parola che la più recente opera di Adalgisa Zanotto, poeta e scrittrice, richiama. D'ora in poi (Fara Editore, 2018, pp. 80, euro 10) si apre infatti con una dedica forte, seppur delicata allo stesso tempo, la quale...