Veronica Maya: “Amici Miei, il mio debutto iconico e maschilista”

1
Conduttrice, show girl e attrice: ha debuttato in teatro con Mario Monicelli. Dopo quindici anni in Rai la vedremo presto su rete 4, alla conduzione di un programma culturale
fonte_veronica_maya Instagram
Da Parigi alla Costiera Sorrentina la conduttrice e show girl si racconta a OFF

Conduttrice, show girl e attrice: ha debuttato in teatro con Mario Monicelli. Dopo quindici anni in Rai la vedremo presto su rete 4, alla conduzione di un programma culturale.

Nata a Parigi e poi trasferita a Piano di Sorrento con la famiglia. Ha mai rinfacciato questa scelta ai suoi genitori?

«La costiera è il luogo delle mie radici, della mia memoria affettiva fatta di luoghi e persone che mi hanno aiutato ad essere ciò che sono oggi. Una donna consapevole, realizzata e grata per i valori e le esperienze ricche, sane, autentiche che quel territorio mi ha trasmesso. Sapori, colori, tradizioni, ingegno, creatività, semplicità, rapporti umani. Queste sono le mie origini. Il mio presente. Il mio futuro». 

Veronica, quando e perché ha deciso di lavorare nello spettacolo?

«All’età di 5 anni. L’ho deciso e l’ho fatto. Volevo essere una ballerina. E quello, dopo anni di sacrifici, è stato il mio lavoro, quello più sudato e gratificante che potessi desiderare. La danza è una scuola di vita, dove impegno e passione portano sempre a dei risultati, quelli che ho raggiunto con caparbietà anche negli altri ambiti artistici, come tv e cinema».

Ha lavorato in teatro con il Maestro Mario Monicelli. Ci racconta questa incredibile esperienza?

«Ho debuttato a teatro in una pièce iconica quanto maschilista come Amici Miei. Il più bel debutto che potessi desiderare. Il Maestro era rigoroso ma ironico e le prove in teatro, così come la lunga tournée condivisa con Jerry Calà, Franco Oppini e Nini Salerno, è stato uno dei viaggi più belli e divertenti che potessi compiere nel panorama dei teatri italiani». 

Dopo tanti anni si è conclusa l’esperienza in Rai. Come mai?

«Il mio ultimo programma da conduttrice è andato in onda appena un anno fa. Sono stata in video per 15 anni, estate e inverno, praticamente tutti i giorni, conducendo Uno Mattina, Linea Verde, Verdetto Finale, Zecchino D’Oro, Quelle Brave ragazze…e l’elenco è ancora lungo. Se fare 3 figli, continuare a lavorare e nell’ultimo anno girare tre film (Passepartout, Alice e Magari Resto) continuando comunque ad essere presente anche sul piccolo schermo allora dobbiamo dare un senso diverso alla parola “esperienza”: 15 anni non sono un’esperienza ma un bagaglio».

È stata mai messa in difficoltà per la sua bellezza sul lavoro? E come ha reagito?

«La bellezza è soggettiva e può avere tanti parametri di valutazione. Tante cose diverse fanno di una persona una bella persona. Al di là dell’estetica ritengo che gentilezza, educazione e capacità facciano di una donna una bella donna. Oggi, che non ho più 20 anni, mi sento più bella di allora perché ho acquisito sicurezza e consapevolezza e non tornerei indietro».

Quali sono i suoi progetti futuri?

«Prossimamente condurrò un programma culturale su Rete 4».

Ha mai vissuto nella sua carriera o nella sua vita un episodio OFF?

«Forse sì, ma non me li ricordo o non lo ho percepiti come tali.Ho un carattere positivo e sono sempre grata alla vita per ciò che decide di regalarmi. Ogni difficoltà ha la sua soluzione. Ogni ostacolo è un perché che ti aiuterà a crescere».

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici + 4 =