Con Francesca Barbi Marinetti sogniamo i sogni di Danica Ondrej

0
Rivelazioni sottese, la mostra di Danica Ondrej a Roma

Danica Ondrej è una pittrice slovacca di cui Francesca Barbi Marinetti cura la mostra insieme a Karima Ruzzi presso l’Istituto slovacco a Roma e l’Ambasciata della Repubblica Slovacca in Italia. La mostra si intitola Rivelazioni sottese, dal 23 Gennaio al 21 Febbraio 2020 in via dei Colli della Farnesina a Roma.

L’infanzia e la giovinezza vissute in un paese dal forte cambiamento sociale come la Repubblica Slovacca e la successiva formazione artistica in Italia (a a Milano per la precisione) hanno permesso a Danica Ondrej di sviluppare tecniche e stili differenti, che si riflettono nella suddivisione dello spazio espositivo in molteplici aree, che conservano i caratteri più intimi dell’artista.

In mostra le serie degli Allumini e dei Collage (2010 e 2017), i primi ispirati al film di Andrej Tarkovskij Lo Specchio e gli altri al linguaggio della pubblicità, segno dell’allontanamento sia temporale, sia spaziale dal luogo dell’infanzia dell’artista, ormai catapultata nel consumismo di una realtà occidentale.

Le serie Donne e Nuovi Lavori (2017-2019) approfondiscono l’indagine sulla contemporaneità, la frenesia che la caratterizza e il rapporto che l’uomo ha con essa con un punto di vista femminile. Le Donne di Danica Ondrej sono rappresentate in pose naturali, custodi di una melanconia e di una nostalgia per i tempi ormai passati. Immortalate in nudità decadenti o in pose inconsuete rappresentano la femminilità nella sua quotidianità. Dal figurativo all’astratto simbolismo femminile: nei Nuovi Lavori l’atmosfera si fa sempre più evanescente, mentre l’utilizzo di oggetti desueti che rievocano la memoria culturale femminile, come pizzi, merletti e lenzuola permettono all’artista di richiamare quel tempo delle madri che sempre più si fa lontano.

Come scrive Francesca Barbi Marinetti nel testo che accompagna la mostra:

“Si evidenzia il concetto di un Tempo assoluto, in cui l’età dell’infanzia e quella della vecchiaia si confondono e si fondono. Ed è la poesia e l’arte a ripescare quel luogo mitico ed onirico dove nulla è perduto e tutto si realizza perché è già così da prima, come nella meravigliosa poesia di Andreij Tarkovski:

E lo sognavo, e lo sogno,
e lo sognerò ancora, una volta o l’altra,
e tutto si ripeterà, e tutto si realizzerà,
e sognerete tutto ciò che mi apparve in sogno.
Là, in disparte da noi, in disparte dal mondo
un’onda dietro l’altra si frange sulla riva,
e sull’onda la stella, e l’uomo, e l’uccello,
e il reale, e i sogni, e la morte: un’onda dietro l’altra.
Non mi occorrono le date: io ero, e sono e sarò.
La vita è la meraviglia delle meraviglie, e sulle ginocchia della meraviglia
solo, come orfano, pongo me stesso
solo, fra gli specchi, nella rete dei riflessi
di mari e città risplendenti tra il fumo.
E la madre in lacrime si pone il bimbo sulle ginocchia.

Articolo precedenteCol filosofo Emanuele Franz l’ascesa diventa un’ascesi
Articolo successivoAvete presente il sogno americano? Lasciate perdere…
Emanuele Beluffi
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista, Ordine Nazionale dei Giornalisti. Laurea in Filosofia presso Università degli Studi di Milano, Filosofia del Linguaggio-Orientamento Logico-epistemologico. Responsabile di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e attualmente conservato al Centre Pompidou di Parigi. Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/