La Lombardia è un modello da seguire. Anche nella cultura

La Lombardia è ai vertici in molti settori dell’economia e della produzione, perfino nell’agricoltura. Non sorprende che lo sia anche nella cultura. Nello specifico – è bene ricordarlo – è la prima regione in Italia per valore aggiunto del sistema produttivo culturale (23,5 miliardi...

A tu per tu con Giovanni Manzoni

Sono nello studio milanese di Giovanni Manzoni, che i miei piccoli lettori conoscono bene. Ora, potrei rimembrare gli anni vissuti pericolosamente insieme, dalla prima collettiva (lui portò un enorme telo di un metro e mezzo per due a disegno e caffè e lo appese...

A tu per tu con Ivano Sossella

Cretino o no (Duchamp dixit), l’artista è uno che sa far dei trucchi, come esporre una bacinella d’acqua  mossa da un ventilatore, inquadrare il tutto in una cornice e convincerci che si tratta di un’operazione artistica: l’arte non è credibile ma alla fine ci...

A tu per tu con Sergio Padovani

Musicista e artista visivo. Una vita distinta fondamentalmente in due tappe, la prima dedicata alla musica e la seconda consacrata alla pittura. Ma sarebbe un errore pensare a un prima e a un dopo, perché lui ora fa entrambe le cose. Sergio Padovani è...

Tra alchimisti e samurai, l’eterna suggestione di Lara Martinato

Avete già incontrato Lara Martinato su queste pagine e, sarà un caso, ma in questo momento ho davanti agli occhi la costa del libro della Taschen Alchimia e mistica, elemento scenografico che ben si addice all’introduzione di questa pittrice evangelicamente nel mondo ma non del mondo (farà bene?, farà male?)....

Nudo e lattice: il corpo è ingannevole distorsione

Lo abbiamo visto lo scorso mese in occasione della sua personale nella galleria milanese Area 35 con Unrest,  titolo che era tutto un programma: fotografia, installazione e video. Tema dominante nella produzione d’arte d.o.c. di Giacomo Vanetti è il corpo, raccontato come  indice di movimento,...

A tu per tu con Alessandro Papetti

"Fare le cose vecchie in modo nuovo - questa è innovazione". Così l'economista Joseph Schumpeter sintetizzò quel processo di trasformazione chiamato "distruzione creativa": sostituire i vecchi modi di produrre (e di pensare) con dei nuovi. Può richiedere mesi o anni, rivoluzioni o riforme graduali,...