Oh mio Dio!, ecco Giordano Floreancig. Perché l’arte è una cosa seria

Di Giordano Floreancig rimane impressa la leggerezza. Una persona leggera non è una persona banale, non è una persona scontata: la leggerezza è bensì una dote rarissima e preziosa. L’arte è una cosa seria, una cosa serissima, su cui non si scherza (direbbe qualcuno)!...

Daniela Pungitore, fotopoesie e frammenti di sé

Daniela Pungitore, scomparsa prematuramente nel 2016, viene raccontata attraverso una mostra a Roma.   Ventitré scatti, dai paesaggi calamitanti agli autoscatti evocativi, per un percorso narrativo che procede tra simboli e ossimori. Le fotografie di Daniela Pungitore, accompagnate dalle sue didascalie poetiche, penetrano in...

Martin Heidegger, la necessità di tornare alle fonti

«Il nichilismo, Nietzsche lo chiama il più inquietante, perché, come incondizionata volontà di volontà, ciò che esso vuole è la spaesatezza come tale. Per questo non serve a niente metterlo alla porta, perché ovunque, già da tempo e in modo invisibile, esso si aggira...

Metti uno scatolone in una chiesa gotica

ilgiornaleoff
Un grande scatolone, fatto di tante altre scatole di cartone, riempie quasi tutto lo spazio interno della piccola chiesa di Santa Maria della Spina sul Lungarno Gambacorti di Pisa. È l’opera proposta da Flavio Favelli col titolo di "Corona" per la terza mostra (aperta sino...

Figurazione: la forma salverà il mondo

Il termine "eterogenesi" ci giunge dal biologo tedesco Rudolf Albert von Kölliker, che a metà Ottocento, conia il termine per indicare la teoria evoluzionistica secondo la quale gli organismi si evolvono perfezionandosi in modo discontinuo, spinti da una "legge di perfezionamento". Una vita è quindi,...

Al Macro per celebrare i cinquant’anni di carriera di Renzo Arbore

Quest'anno ricorre il trentennale di Quelli della Notte, invenzione televisiva di quel genio che è Renzo Arbore. Qualcuno ha detto: "Negli Usa c'è stato Warhol, in Italia abbiamo Arbore". La personalità più poliedrica, originale, allegra, positiva della cultura e dell'intrattenimento che riconosciamo oggi in...

Molly Bloom, sedici opere di Chiara Caselli e Claudio Bonichi

«Perché ciò dimostra che su di noi il tempo non può nulla: in quanto è già trascorso un tempo infinito. È del tutto impensabile che qualcosa che è esistito una volta, per un momento, con tutta la forza della realtà, dopo un tempo infinito...

Il fuoco di Francesco Diluca che salda le nostre tradizioni

I lettori di Off hanno già avuto modo di conoscerlo, dapprima nel lento processo di disgregazione di Post Fata Resurgo e in seguito, nell'ex chiesa di San Francesco a Como, con il precario rigermogliare della vita nell'arida distesa di sale dell'installazione Germina. Francesco Diluca,...

Il teatro delle visioni nelle opere di Biasiucci

A parte i big big shows delle superstar Damien Hirst e Francesco Vezzoli, è sempre più difficile accontentare i globetrotters dell’arte contemporanea: c’è sempre qualcosa che non va nei comuni mortali e signora mia ormai si vedono sempre le stesse cose.  Ma fra il...

La pittura di Claudia Giraudo, ovvero l’inquietudine della giovinezza

Più che bambini e adolescenti, Claudia Giraudo raffigura poeti e del poeta la condizione prima è quella della solitudine interrogante; così nei suoi ritratti, apparentemente confortanti e al contempo densi di inquietudine, questo disagio esistenziale, seppur solo sussurrato, sovrasta la scena e interroga anche...

Luciano Ventrone, dall’astrattismo all’astrazione

Luciano Ventrone alla Fondazione Stelline nella retrospettiva "Il limite del vero. Dall’astrattismo all’astrazione", a cura di Angelo Crespi

Chiara Dynys: fiori avvelenati, sul punto di scomparire

Strano pensare che il termine “natura morta” venga tradotto in inglese con “still life” (ancora in vita). O il viceversa: che “l’ancora in vita” inglese trovi da noi e in Francia corrispondente nel più macabro “nature morte”. Gli ultimi lavori di Chiara Dynys, Posinoned...

Michael Johansson. Estensione del dominio dell’Ikea

Milano, arte, contemporanea, emanuele beluffi, il giornale, il giornale off, Michael Johansson milano, Michael Johansson the flat, Michael Johansson mostra, Michael Johansson Sculpture skulptur contemporary samtida art artist konst konstnär foto fotografi photo photography video malmö sverige svensk swedish sweden Skånes Konstforening gallery Unten Dunter Unter Drunten Skåne skiss konsthögskolan i malmö art academy konstnärshotellet botnik studios en vecka i solen gerlesborg video-cup norge norway trondheim kunstakademiet i trondheim KIT kit kunststudent artstudent kunst samtidskunst art student kunstner kunstnernes hus høstutstillingen ain't no picnic some assembly required modeller assemblage mikael trollhättan västra götaland berlin weissensee utställning exhibition bitnik space off nordin gallery arnstedt & kullgren,
L'artista svedese torna a Milano nella galleria The Flat Massimo Carasi con la personale Crossroads; un po’ Vasarely, un po’ a Mondrian

Al Margutta la mostra che “colpisce allo stomaco”

ilgiornaleoff
La mercificazione del cibo, dagli anni Cinquanta in poi con il proliferare dei fast-food, ha portato ad un’alterazione dei prodotti con una ricaduta pesante sulle abitudini alimentari. Il cambiamento ha avuto un'influenza negativa anche sugli ecosistemi e a una relativa svalutazione del valore delle...

Modena sconvolse l’arte italiana guardando al futur…ismo

Modena, Teatro Storchi. E’ il 2 giugno 1913 e la storia della musica sta per non essere più la stessa. Alla presenza del capostipite del futurismo, Filippo Tommaso Marinetti, e di molti altri artisti a lui vicini, il musicista Luigi Russolo presenta il suo...

Parigi celebra l’Italia, dal liberty al design

È in un punto interrogativo che si racchiude il senso della mostra dedicata all'arte decorativa italiana della prima metà del '900, Dolce vita? Dal Liberty al design italiano, allestita in un'ala del Museo d'Orsay a Parigi e visibile fino al prossimo 13 settembre. Giocando...