A vent’anni con Pedroni nella città “piena di secoli”

0

A Bologna tutto ha un sapore e anche di più“: una città, sei studenti universitari e una musica…colta sono i protagonisti del romanzo di Gian Marco Pedroni, Può una buona musica essere cattiva? (CLUEB, Collana E-Logo, 2019, 204 pagine, 21 euro), dove “la grassa Bologna” fa da sfondo a un romanzo di formazione.

Drammaturgo e regista teatrale, Pedroni è il “papà” del Festival del Teatro dei Ragazzi, nato nel 1984 e cresciuto fino a diventare un evento culturale di carattere internazionale.

E proprio la giovinezza dei vent’anni è il fil rouge lungo cui si dipana la trama narrativa di questo romanzo ambientato in una città su cui “regna il tempo […] piena di anni e di secoli“, dove sei ragazzi vivranno una storia lunga da settembre a Natale, sospesi tra la magnificenza della giovinezza e gli equilibri da fare e disfare.

Su loro veglia la “rezdora”, cuoca provetta di una generazione lontana e titolare dello “studentato” domestico in cui alloggiano, dove ben presto scopriranno che quella ragazza spagnola vista uscire dalla doccia è la stessa che dividerà con loro l’appartamento, macrocosmo di una storia dal crescendo…rossiniano (qualunque riferimento alla Petite Messe Solennelle di Rossini è puramente voluto).

Articolo precedenteCon Angelo Maugeri la musica diventa una vera vocazione
Articolo successivoAl Centro Storico FIAT il Design è Storia
Emanuele Beluffi
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Ordine Nazionale dei Giornalisti tessera n. 173490. Laurea in Filosofia presso Università degli Studi di Milano, Filosofia del Linguaggio-Orientamento Logico-epistemologico. Responsabile di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e attualmente conservato al Centre Pompidou di Parigi. Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/