Al Manzoni un Anfitrione arrembante “populista”

0
Anfitrione - Gigio Alberti

Al Manzoni di Milano, dal 31 ottobre e fino al 17 novembre, é in scena “Anfitrione”, per la regia di Filippo Dini e con protagonisti Barbora Bobulova, Antonio Catania, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gigio Alberti e Valeria Angelozzi.

Lo spettacolo si iscrive fra le tante rappresentazioni della celebre commedia di Plauto, un classico della comicità del 206 a.C., dalle numerose rivisitazioni nei secoli a venire.

Molto personale la sua contemporaneizzazione ad opera di Sergio Pierattini, che traspone l’antico intreccio plautino ai giorni nostri, assorbendone stimoli ed inquietudini.

Sul palco ritroviamo Anfitrione, un arrembante politico populista affiancato dal fedele Sosia, suo autista e portaborse e la moglie Alcmena nelle vesti di un’insegnante di scuola. Sullo sfondo Giove e Mercurio continuano a sconvolgere, con il loro intervento, umili e potenti.

Il risultato è un brillante adattamento di una vicenda in cui i temi dell’ambiguità, dell’inganno e dello smarrimento dell’identità mantengono intatta la loro attualità, in un’escalation di situazioni comiche e spiazzanti che fanno da specchio alle non meno grottesche e frastornanti vicende del nostro presente.