Ludwig, quel “Curioso Ep” gran creatore di tendenze

0
530
Diventato non solo dj ma anche producer, Ludwig, nome d’arte di Ludovico Franchitti, si è messo in gioco da solista con “Curioso Ep”, cinque brani dal sound fresco e travolgente.
Ph. Simone Marte

L’adolescenza nei club mi ha tolto dalla strada e mi ha dato la speranza di poter vivere di musica. Le prime volte che andavo a ballare sognavo di diventare il dj, stare al centro dell’attenzione con i bassi a cannone e tutti gli occhi puntati addosso“. Diventato non solo dj ma anche producer, Ludwig, nome d’arte di Ludovico Franchitti, si è messo in gioco da solista con Curioso Ep, cinque brani dal sound fresco e travolgente.

“Volevo provare l’esperienza di diventare cantante e parlare di ciò che mi circonda, strappare un sorriso alle persone in una giornata storta e portare un po’ di felicità” dice a proposito di questo progetto.

Nato a Roma nel 1992, si è appassionato alla musica guardando il Festivalbar in tv e all’elettronica grazie ai primi pezzi dance anni ‘90, per poi passare al filone Swedish House Mafia: “Da adolescente volevo diventare come loro“.

La musica, così, è diventata fondamentale: “Dalla mattina quando mi sveglio a notte fonda quando vado a letto è sempre con me, mi aiuta a superare un momento brutto o a gioire in una giornata festosa“.

E adesso, mentre ascoltiamo l’ultimo singolo Domani ci passa, sta lavorando a nuovi brani: “Sto pensando di fare un album, aspettatevi collaborazioni importanti“.