“Homo Viator. Il Poeta Visionario” Ciro Palumbo

0
119

ARTE E APERITIVO IN TERRAZZA Lunedì 24 giugno, al Mondadori Store di via Marghera 28 a Milano, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di “Homo Viator”, un progetto pittorico-teatrale di Ciro Palumbo organizzato da Canova, moderato da Angelo Crespi.

Ciro Palumbo espone “Homo Viator – il Poeta Visionario”: Opere esposte fino al 26 giugno, Mondadori Megastore, via Marghera, 28 – Milano

SFOGLIA QUI L’ANTEPRIMA

L’evento pittorico/teatrale completo, si terrà a Roma presso lo Stadio di Domiziano in una pièce teatrale, dove l’attore regista Piergiuseppe Francione, accompagnato dalle musiche di Antonello Aloise e unito alle opere di Ciro Palumbo, sarà in scena con il “Poeta visionario” in una scenografia ideata e realizzata da Ciro Palumbo e Jacopo Mandich. Piergiuseppe Francione e Ciro Palumbo ci raccontano, durante l’anteprima a Milano, di un dialogo tra un cavaliere errante naufragato e sempre in lotta con la realtà, rifugiato nel proprio ego, annodato in domande che non hanno risposte e la barca con gli occhi, portatrice di positività che sceglie e aiuta l’uomo a proseguire il suo viaggio prima di tutto interiore. – Barca: “Io ti ho raccolto nelle acque prima che uscissi alla luce e ti ho scelto per questo viaggio!

Quindi, rimettiti le vesti e prosegui il cammino!” – Uomo: “E basta! Basta con questa ossessione. Farò di te un gran falò che rischiarirà le nubi e risarcirà il cielo! “. L’uomo e la barca con gli occhi è ispirata dal ciclo pittorico di Ciro Palumbo ed è liberamente stimolata da alcuni scritti di William Shakespeare, Eschilo, Eugene Ionesco, Charles Bukowski, Bernard Marie Koltès, Domenico Modugno, Aldo Nove e Roberto Perrotti. L’Homo Viator con la sua barca, ci indica una nuova direzione, in cui la missione è quella di sognare e di credere che oltre il buio esiste sempre una scia di luce.
Il viaggio del Poeta visionario partirà da Milano, arriverà a Roma e proseguirà verso le più suggestive città italiane generando nuova linfa vitale a chi deciderà di salire con lui nella sua barca.

Dal 27 giugno al 7 luglio, Stadio di Domiziano, via Tor Sanguigna, 3 -­‐ Roma

L’evento pittorico/teatrale completo, si terrà a Roma presso lo Stadio di Domiziano in una pièce teatrale, dove l’attore regista Piergiuseppe Francione, accompagnato dalle musiche di Antonello Aloise e unito alle opere di Ciro Palumbo, sarà in scena con il “Poeta visionario” in una scenografia ideata e realizzata da Ciro Palumbo e Jacopo Mandich.

Piergiuseppe Francione e Ciro Palumbo ci raccontano di un dialogo tra un cavaliere errante naufragato e sempre in lotta con la realtà, rifugiato nel proprio ego, annodato in domande che non hanno risposte e la barca con gli occhi, portatrice di positività che sceglie e aiuta l’uomo a proseguire il suo viaggio prima di tutto interiore.

Barca: “Io ti ho raccolto nelle acque prima che uscissi alla luce e ti ho scelto per questo viaggio! Quindi, rimettiti le vesti e prosegui il cammino!”

Uomo: “E basta! Basta con questa ossessione. Farò di te un gran falò che rischiarirà lenubi e risarcirà il cielo!“.

L’uomo e la barca con gli occhi è ispirata dal ciclo pittorico di Ciro Palumbo ed è liberamente stimolata da alcuni scritti di William Shakespeare, Eschilo, Eugene Ionesco, Charles Bukowski, Bernard Marie Koltès, Domenico Modugno, Aldo Nove e Roberto Perrotti. L’Homo Viator con la sua barca, ci indica una nuova direzione, in cui la missione è quella di sognare e di credere che oltre il buio esiste sempre una scia di luce.

Il viaggio del Poeta visionario partirà da Milano, arriverà a Roma e proseguirà verso le più suggestive città italiane generando nuova linfa vitale a chi deciderà di salire con lui nella sua barca.

Si ringrazia Renato Carpentieri per aver prestato la sua voce al personaggio della barca e Antonia Esposito per la voce femminile.

Grazie a Sandra Silvestroni per la realizzazione del cilindro magico.

Autori: Ciro Palumbo e Piergiuseppe Francione
In scena: Piergiuseppe Francione
Scenografia: saranno esposte le opere di Ciro Palumbo a cui è ispirata la pièce teatrale e una scultura ideata da
Ciro Palumbo e Jacopo Mandich.
Opere: Ciro Palumbo
Musiche: Antonello Aloise
Drammaturgia: Piergiuseppe Francione e Ciro Palumbo
Organizzazione: Canova Arte
Interverranno : Amedeo Demitry, Piergiuseppe Francione, Antonello Aloise