Malaparte, rock “fatto a mano” e maleducato

0
1164
Malaparte, rock

Citazioni ed altri delitti è il terzo album della band salernitana Malaparte, capitanata da Carmine Ricciardi (voce e chitarra), fondatore nel  2004 di questo combo hard rock dalle sonorità americane ottantian/novantiane (la copertina dell’album è una citazione delle strisce infuocate della DeLorean di Ritorno al futuro) e caratterizzato da una spiccatissima personalità, che lo colloca ai vertici della produzione musicale italiana ahinoi ancora underground, non disdegnosa di fare album come una volta, altro che singoli dal successo effimero.

Malaparte, rock "fatto a mano" e maleducato

Malaparte sono musicisti di tutto rispetto: oltre al frontman Ricciardi la banda è formata da Giuseppe Diego Nocito (basso), Pasquale Tomasetta (batteria e percussioni), Carmine De Vita (keyboard, seaboard e backing vocals), Raffaele Maffei (chitarra ritmica e cori).

Citazioni ed altri delitti suona rock fatto a mano e maleducato, fra tracce graffianti e progressioni armoniche più morbide e in un caso addirittura orientaleggianti (Batha, la cui intro è affidata a un sitar verticale setto dilhruba).

Maschere è il brano di punta dell’album, accompagnato da un video che rappresenta inequivocabilmente quel mal di vivere che segnò il grande Chris Cornell dei Soundgarden e altri maledetti, di cui la canzone è in certo senso tributaria.

Articolo precedenteFausto Melotti, lo scultore dell’invisibile
Articolo successivoMaria Grazia Giovanna Dell’Aere, lirismo in acquerello e tempera
Emanuele Beluffi
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Ordine Nazionale dei Giornalisti tessera n. 173490. Laurea in Filosofia presso Università degli Studi di Milano, Filosofia del Linguaggio-Orientamento Logico-epistemologico. Responsabile di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e attualmente conservato al Centre Pompidou di Parigi. Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/