“Dannata lotta” di Valentina Parisse, inno pop-rock alla resilienza

0
Ph. Luz Gallardo

Ama il suo bassotto Otto e scrive canzoni che la rappresentano, che interpreta con la sua voce calda. Non fa eccezione Dannata lotta, il suo ultimo singolo. Un inno pop-rock alla resilienza per il quale la cantautrice romana Valentina Parisse si è avvalsa della collaborazione di Cheope e Davide Napoleone alla scrittura, Francesco “Katoo” Catitti alla produzione, Antonio Baglio al mastering e del guru del rock Chris Lord-Alge al missaggio.

E’ una colonna sonora per i coraggiosi e i sognatori”, dice Valentina, che non solo possiamo ascoltare in radio, ma possiamo seguire in tv, su Canale 5, in “All togheter now”. “Vedermi in veste di giudice mi emoziona molto, soprattutto perché negli occhi dei concorrenti vedo quella scintilla di passione per la musica che amo e che credo sia l’ingrediente fondamentale in questo campo”.

Già da adolescente la musica era al centro delle giornate di Valentina: la mattina era scuola, al Liceo Classico Pilo Albertelli di Roma, mentre la sera la trascorreva in studio, a registrare le sue primissime canzoni, o nei locali, a suonare e cantare. “Ero sicuramente un’adolescente atipica, spesso vista anche in maniera strana dai miei compagni che si divertivano a fare festa o andare in giro”.

Poi, a 18 anni, la proposta da parte di un gruppo di produzione canadese di lavorare al suo primo album. Accetta immediatamente, approda oltreoceano e pubblica “Vagabond”, il disco d’esordio.

Tra le diverse collaborazioni della sua carriera spicca quella con Renato Zero, per il quale ha composto insieme con Phil Palmer la musica di “Rivoluzione”: “Renato è un’icona nazionale, ma per me, come romana, rappresenta persino di più. Lavorare con lui è stato un onore straordinario che ha dato tanta energia e fiducia al mio percorso personale”.

Ama il suo bassotto Otto e scrive canzoni che la rappresentano, che interpreta con la sua voce calda. Non fa eccezione Dannata lotta, il suo ultimo singolo.
Valentina Parisse – Dannata Lotta – Cover Valerio Bulla

Reduce dall’esibizione sul palco capitolino del concertone del primo maggio, la cantautrice considera i live dei momenti di condivisione grazie ai quali far emergere tutta la passione che riversa nella sua musica.

Giù dal palco in realtà sono una ragazza riservata, amo le piccole cose, quelle semplici e normali, e spesso mi chiudo in me stessa per “ascoltarmi meglio”. Ma non è esattamente essere solitaria: cerco di ricavarmi lo spazio per concentrarmi fino in fondo in quello che faccio”.