Quando il Jazz racconta la voglia di emergere

0

Daniela De Mattia arriva al suo primo singolo, al momento giusto, dopo varie esperienze che l’hanno già fatta conoscere nel mondo della musica.

Classe ’94, ha presentato il 20 di maggio “Mi manca l’aria“, pubblicato da Elios Registrazioni Audiovisive, un brano che “è la descrizione delle difficoltà che si incontrano sulla strada per perseguire i propri sogni, soprattutto per chi, come me, ha la musica come vocazione.

D’altra parte  non è mai semplice realizzare i propri sogni, neanche se si è provvisti di quegli strumenti che aiutano a migliorare le proprie capacità. Daniela De Mattia si è già presa molte soddisfazioni: nel luglio del 2015 infatti, in formazione trio, aveva avuto l’onore di aprire il concerto di Fabio Concato e Fabrizio Bosso, mentre l’anno dopo si era esibita nel gruppo “Cimarosa ensemble” del Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino, presso la Casa del Jazz di Roma.

Mi manca l’aria” non arriva a caso per lei che, seppur giovanissima, dopo anni di esperienze, giunge a questo suo primo singolo con diverse collaborazioni con professionisti del settore, come l’arrangiatore Marcello Massa e gli strumentisti Bruno Salicone (pianoforte), Domenico Andria (basso), Rocco Sagaria (batteria) e Gennaro Ferraro (tromba).

Il brano s’inserisce in un contesto preciso, in una società complicata per i giovani, distolti dai loro obiettivi, allontanati dai loro sogni, alienati all’interno di una massa da cui l’individuo non riesce a emergere. “Tutto questo disordine, queste incertezze, questo non sapere cosa fare, crea uno stato d’ansia e preoccupazione per noi giovani e per le nostre famiglie”, afferma Daniela De Mattia che, nonostante faccia parte di una generazione “a disagio”, le idee ce le ha e ben chiare, prendendo un avvio coerente e preciso.