“Per crucem ad lucem”, l’agnostico Beat Kuert rinnova il messaggio cristiano

0
597

Per crucem ad lucem, questo il titolo suggestivo della mostra dell’artista zurighese Beat Kuert curata da Angelo Crespi in collaborazione con Fondazione Maimeri di Milano e MAG di Salvatore Marsiglione di Como che in questo Triduo pasquale (e anche dopo) potrete visitare presso lo Spazio Ratti, nell’ex chiesa di San Francesco a Como.

Kuert, già regista di successo, poi performer, trova nel medium della fotografia la migliore raison d’être  del proprio stile espressivo, così “nordico ed espressionista” come lo definisce Angelo Crespi nel testo che accompagna la mostra.

Uno stile che si riaccompagna per reminiscenza a certe sperimentazioni alla Antoine D’Agata e che tuttavia sorprendentemente si armonizzano al martirologio estetico ispirato alla via crucis cristiana, che con l’installazione Per crucem ad lucem si contemporaneizza.

Kuert, prima protestante poi agnostico, esprime una visionarietà estetica spesso scabra, “graffiata”, distorta, che in questa occasione riattualizza il messaggio cristiano della chiesa Cattolica, con cui si ricostruisce e si commemora il percorso doloroso di Gesù nella sua salita al Golgota prima della crocifissione.

Articolo precedenteJenn Morel urban style perfetto per l’estate
Articolo successivoMilena Vukotic: “Quella cena con Villaggio e Fellini..”
Emanuele Beluffi
Milanese, dal 2008 cura mostre d'arte e scrive per i relativi cataloghi; nel 2009 inventa una rivista di critica d'arte (“Kritika”, con l’artista Mihailo Karanovic e il critico Stefano Mazzoni). Dal 2018 è responsabile di redazione a Il giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ha scritto di arte su magazine specializzati. Autore, con Flaminio Gualdoni, della monografia sull’artista Andrea Mariconti per conto della galleria milanese Federico Rui Arte Contemporanea (Skira editore, 2012). Nel 2016-17 collabora alla campagna elettorale di Stefano Parisi come coordinatore del Gruppo Cultura di Energie PER l'Italia, organizzando la parte culturale del programma politico. È stato promotore editoriale (editrice Mursia), archivista in Fondazione Biblioteca di via Senato e Biblioteca d'Arte del Castello Sforzesco, agente editoriale (Librimport, libri illustrati d’importazione) entrando in contatto con svariate agenzie di comunicazione come Armando Testa, Lowe Pirella, Ogilvy, Leo Burnett et cetera e redattore in un'agenzia di pubblicità specializzata.