Luca “Lux”, quel mood di Rimini e…le sue rotonde

0
Luca Urbinati, in arte Lux. Venticinque anni compiuti giorni fa con una sfarzosa festa tra le colline riminesi, si è contraddistinto recentemente sulle cronache locali per aver ricoperto il ponte di Tiberio con un grande striscione che riportava Ti amo più delle rotonde
Instagram

Si chiama Luca Urbinati, in arte Lux. Venticinque anni compiuti giorni fa con una sfarzosa festa tra le colline riminesi, si è contraddistinto recentemente sulle cronache locali per aver ricoperto il ponte di Tiberio con un grande striscione che riportava Ti amo più delle rotonde. L’autore lo giustifica così: “Volevo far capire ad una ragazza che era più importante di quanto credesse“.

Dopo il successo dei The Giornalisti con la canzone Riccione, anche la città limitrofa, Rimini ha avuto il suo tormentone per l’estate 2018 con Le rotonde di Rimini di Lux.

Il giovane cantautore romagnolo ha saputo raccontare al pubblico con il suo sound un tema infuocato per tanti cittadini riminesi che hanno visto proliferare negli ultimi anni numerose rotonde per consentire una viabilità migliore, con grande soddisfazione del primo cittadino Andrea Gnassi, fan di Lux.

Lux, come nasce il suo rapporto con la musica?

Partito con l’appassionarmi alle sigle di Giorgio Vanni sono passato ai Green Day, e poi arrivato a conoscere Jack Black con il film School Of Rock. Qui ho capito che dovevo iniziare a suonare.

Quali emozioni prova oggi dopo il successo di Le rotonde di Rimini?

Sono veramente felice ed orgoglioso del riscontro positivo di questa canzone. Ancora mi sembra incredibile a pensarci,è stata davvero un estate fantastica e piena di emozioni.

La sua nuova canzone?

Si intitola Sono un pesce e la sua data di pubblicazione, non a caso, è stata il primo di aprile. Molto diversa dalla precedente, ma mantiene sempre il mio stile. Rivolta questa volta ad un pubblico un po’ diverso e con un mood diverso, credo possa comunque ottenere un buon riscontro.

Articolo precedenteMartufello, il Bagaglino e quegli indimenticabili viaggi con Oreste Lionello
Articolo successivoEzio Greggio: “Il mio Drive in con Beruschi e Faletti…”
Andrea Speziali
Andrea Speziali, classe 1988 e residente a Riccione è uno tra i più giovani esperti nel campo dell’Art Nouveau con un dottorato all’Accademia di Belle Arti a Urbino. Giovane poliedrico, capace di passare dalla pittura alla scultura fino alla scrittura con originalità e creatività. Si è cimentato in varie esperienze artistiche: Progetto “Italia Liberty”; ha partecipato alla Affordable Art Fair di Amsterdam, alla 14^ Fiera Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Pechino nel complesso del World Trade Center e alla 54^ Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia – Padiglione ‘‘Italia’’ – a cura di Vittorio Sgarbi. Alcune pubblicazioni: '‘Una Stagione del Liberty a Riccione’’ (Maggioli 2010) . Un ricco curriculum di conferenze e ritagli di articoli e intere pagine su quotidiani nazionali fanno di Andrea un grande culture di quella corrente artistica che agli inizi del ‘900 si conosceva come Art Nouveau in Francia, Jugendstil in area tedesca e mitteleuropea e Modern Style nei paesi anglosassoni.