Ucraina, quella partita a scacchi sul tavolo d’Europa

0
14010

Stasera alle ore 18.30 negli spazi della milanese 7ettanta6ei Gallery in via Felice Casati 39 verrà presentato il libro di Fabrizio Bertot e Antonio Parisi, Ucraina. La guerra geopolitica tra Stati Uniti e Russia (Historica Edizioni, 2019, 277 pagine, 20 euro). Modereranno l’incontro Edoardo Sylos Labini e Alessandro Sansoni.

Lui è Antonio Parisi, giornalista pugliese e direttore di testate giornalistiche nazionali, che nel 2008 ritrovò quell’automobile, una BMW, sulla quale venne rapita Emanuela Orlandi e il cui primo intestatario fu Flavio Carboni. L’altro è Fabrizio Bertot, politico, imprenditore, giornalista torinese, eurodeputato durante la crisi ucraina e osservatore incaricato durante il referendum dell’annessione della Crimea alla Russia: due “pezzi da novanta” dell’informazione culturale che, insieme hanno scritto il libro pubblicato da Historica EdizioniUcraina. La guerra geopolitica tra Stati Uniti e Russia” (2019, 277 pagine, 20 euro), un saggio approfondito che spiega la “partita a scacchi” che si stanno giocando Federazione russa, Unione Europea, NATO e U.S.A. su quella terra di frontiera fra l’Europa occidentale e la Russia dal nome Ucraina (che in Slavo antico significa, appunto, “confine”).

Ucraina, quella partita a scacchi sul tavolo d'Europa

Il libro, provvisto di un’interessante bibliografia essenziale, è suddiviso per argomenti tematici, ciascuno dei quali dedicato a un ben preciso attore di questa disfida geopolitica: la Russia, innanzitutto, con quel suo rapporto d’amore e odio con l’Ucraina come fossero madre e figlia; Bruxelles, con la sua (in)azione sulla delicatissima questione (il capitolo si apre con un’illuminante affermazione di Henry Kissinger: “…chi devo chiamare se voglio parlare con l’Europa?”); la NATO e Washington, “improvvisamente” innamorate di Kiev e scatenatrici dell’ingelosimento russo, perché l’Ucraina “è il nostro estero vicino” (e le citazione del grandissimo Kissinger in questo libro si sprecano: “in realtà, la globalizzazione è un altro nome con il quale si esercita il ruolo dominante degli Stati Uniti”); e naturalmente l’Italia, stretta fra l’obbedienza ai “desiderata” USA ed europei relativi alle sanzioni a danno della Russia e i legittimi interessi geostrategici (commerciali e politici). Perché la tensione di questa partita a scacchi sembra così alta da far temere che un’altra vota il mondo si incendi in un nuovo conflitto mondiale.

Fabrizio Bertot e Antonio Parisi svolgono un’analisi precisa e puntuale della vicenda dal punto di vista del presente e della storia, mostrando il groviglio di interessi plurimi che su di essa si intrecciano come un nodo gordiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno + 6 =