Le “Rovine” di Gabriele Tinti, poesie per statuaria classica

0
Le
The Bateman Mercury

Robert Davi si spoglia dei suoi ruoli da protagonista in The Goonies, 007 Vendetta Privata, Die Hard e indossa i suoi di panni per leggere i testi dello scrittore e poeta italiano Gabriele Tinti.

Appuntamento il 16 marzo alle ore 16 al LACMA di Los Angeles per la presentazione dell’evento Mercury in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles e con la sponsorizzazione della Fondazione Arte e Cultura.

Una serie di poesie ispirate ai più importanti capolavori dell’arte antica come Il pugile a riposo, Il Galata suicida, il Giovane vittorioso, il Fauno Barberini, Il Discobolo, I marmi del Partenone, l’Ercole Farnese e molti altri ancora.

I testi letti da Robert Davi e prodotti da Gabriele Tinti si ispirano al The Bateman Mercury della collezione del Museo protagonista della mostra To Rome and Back: Individualism and Authority in Art, 1500-1800.

Gabriele Tinti, courtesy Mauro Maglione

Un evento che rientra nel progetto Rovine, Premio Montale per la poesia 2018, scelto per celebrare il riallestimento delle collezioni del Getty Villa, per dare una continuazione a quel dialogo iniziato con la mostra di artisti contemporanei Plato in LA in occasione della quale alcuni dei più celebrati artisti del panorama odierno hanno reinterpretato l’impatto di Platone sul mondo contemporaneo.

“Rovine raccoglie una serie di scritti in forma di versi, frammenti e brevi saggi che ho destinati alla scultura vivente dell’attore al kolossos – spiega Gabriele Tinti – capace di fornire una nuova voce a ciò che è oramai irrimediabilmente scomparso”.

Ad accompagnare Tinti in questo secondo appuntamento sarà l’attore Jamie McShane (Bloodline, Sons of Anarchy, The Passage). Per potervi assistere basterà collegarsi alla pagina Facebook del Museo (Getty Museum e Getty Villa).