UnPOPositivo, musica impegnata all’insegna della Pop Art

0
UnPOPositivo

UnPOPositivo,  title track del nuovo album (in digital download a partire dal 28 febbraio) è la nuova creatura del duo pugliese Respiro, formato da Lara Ingrosso (voce, tastiere, percussioni elettroniche) e Francesco Del Prete (violini a 5 corde, sezioni d’archi, pedaliera multieffetto). Respiro ha già maturato dal 2013 a oggi, ben undici riconoscimenti nazionali e presenze importanti  come ad esempio l’apertura del concerto dei Marlene Kunze nel 2016 al Fabrique di Milano.

Un traguardo non trascurabile considerando i canali di programmazione e i generi di formazione (Francesco Del Prete è violinista e compositore, passa dagli studi classici alla musica etnica, elettronica e jazz). Ma la particolarità, di cui UnPOPositivo ne introduce l’intera visione di lavoro, è la leggerezza (non banale) di mettere in luce il personale quotidiano come amore, separazione e paura attraverso la realizzazione di un video pennellato di pop art e tratti fumettistici, pregno di colori accesi e solari, positivi appunto.

UnPOPositivo

“UnPOPositivo” parla di situazioni di insoddisfazione personale, di difficoltà nell’integrazione, di personaggi che si sentono inadeguati e la canzone serve a non farli sentire soli, li invita a reagire e a imporre la loro identità: ‘Caro, prendimi la mano, non ci fermerà la paura di andar lontano, la paura di andare piano” – spiega così il duo pugliese -. L’idea del video prende spunto dall’estetica e dagli intenti sociali della Pop-Art, e dalla diffusione di messaggi importanti attraverso un linguaggio immediato e “colorato”, che si diffonde attraverso il contatto tra le persone.  

Respiro ha realizzato Un POPositivo in maniera nuova rispetto al lavoro precedente, più acustico e minimale. L’album, in uscita con Discographia Clandestina racchiude 8 tracce arricchite di violino, multipad, sequenze elettroniche e due collaborazioni: con Carmine Tundo (Abissi) e Emanuele Coluccia (Randagio).

Articolo precedente#CulturaIdentità, oggi in edicola con Il Giornale: tante sorprese
Articolo successivoUn viaggio, con Felicia, alla scoperta dei sapori del Veneto
Mary Ferrara
La passione per l’Arte e la Comunicazione l’ha orientata inizialmente verso il Giornalismo, diventando critico teatrale, cinematografico e musicale. Successivamente ha ampliato la sua specializzazione nel linguaggio teatrale sotto la guida del Maestro Antonio Nobili come allieva ed assistente alla regia. Ha affrontato il palco in veste sia di attrice negli spettacoli ‘Il Canto di Danae’ (Regia di Serena De Simone), ‘Hamlet’, 'Casa di Bernarda Alba', ‘Nozze di Sangue’, 'Donna Rosita Nubile', 'La Calzolaia Prodigiosa', ‘Rocky Horror Picture Show’, ‘De Profundis’ (Regie di Antonio Nobili), ‘Personnages...in cerca d’autore (Regia di Cathy Marchand), ‘Piombo e Cocaina’ (Regia di Pietro De Silva), ‘Back At Freak Show’ (Regia di Tommaso Bernabeo), ‘Tutti al Macello’ (Regia di Antonio Cervigni), che regista di prosa, di musical (Lovecraft’s Tales, Ecabe, I Giganti della Montagna, Footloose, Musicology, RomeoFeatJuliet, Le Baccanti, Sogno di una notte di mezza estate, Musicology, Club 2.7, War e Mademoiselle C.) ed opera lirica (Il Flauto Magico e Bohème nel 2012, Attila, La Traviata e Don Giovanni nel 2013, Nozze di Figaro nel 2014). Dal 2010 è Vice Presidente e docente dell’Accademia di Recitazione ‘TeatroSenzaTempo’ di Roma. Attualmente è anche Caporedattore di Roma e del Centro Italia per la testata ‘Teatro.it’.