Lily Bells, “pazza dell’arte” nel fanta thriller tra omicidi e misticismo

0
1249
Lily Bells,
Pixabay License ph epicantus

Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells di Valentina Ferri (L’Iguana editrice, Verona, 2018, 16 pagine, 14 euro) è un romanzo lieve e surreale, con un pizzico di humour inglese à la  Alan Bennet ma anche un pizzico di santità.

La protagonista è Lily Bells, bizzarra e visionaria, curiosa del mondo e del suo prossimo. Un’eroina 2.0 che ama l’arte così visceralmente da svenire al cospetto dei quadri di Bosch e Velázquez. Ma più di tutto Lily è affascinata dalla storia di Maria de Agreda, una mistica del Seicento con il dono della bilocazione.

L’idea di assomigliarle la fa volare tra la Spagna barocca di Filippo IV, il Museo del Prado e i campesinos del Sud America, in una dimensione in cui si intrecciano realtà e finzione.

Ma questi viaggi sono reali? Lei stessa se lo chiede, finché un giorno accade qualcosa che la mette in pericolo. Mentre, con la bilocazione, visita contemporaneamente un museo e organizza merende per bambini immaginari, Lily assiste a un omicidio. Scoperta dagli assassini, viene reclusa nelle cantine di un palazzo antico, con la sua borsa di rafia azzurra che non abbandona mai. Riuscirà a dare un lieto fine alla sua storia?

Con Le straordinarie bilocazioni di Lily Bells Valentina Ferri scrive la prima di una serie di avventure di questa eroina che si farà amare dai lettori.