Quando i vip fanno la coda per la pausa caffè

0
837
Il Caffè Delle Dieci, quando i vip fanno la coda per la pausa caffè

Intervista a Maria Serena Patriarca: quattro chiacchiere davanti ad un buon caffè ed un cioccolatino, ormai è un appuntamento irrinunciabile: un salotto culturale diventa virale: Il Caffè delle Dieci su YouTube.

Voltaire afferma che: “Se del tuo tempo non accetti i cambiamenti, probabilmente prenderai la parte peggiore della vita”. E quest’insegnamento sembra aver preso alla lettera la rinomata firma delle pagine di costume e mondanità sul Messaggero, Maria Serena, che si è lanciata, io aggiungo, evoluta, nella nuova versione di youtuber e influencer.

Il Caffè delle Dieci, questo il nome della striscia quotidiana, divenuto un vero e proprio fenomeno virale su YouTube, che accoglie tanti ospiti del mondo del cinema, della moda, della cultura, dei viaggi, del giornalismo, dello spettacolo, dell’arte, del benessere e dell’enogastronomia quali Francesco De Gregori, Sergio Cammariere, Volfango De Biasi, Carlo Verdone, Mara Venier, Maurizio Costanzo, Paolo Ruffini, Catena Fiorello, Maria Grazia Cucinotta, Veronica Maya, il maestro Krzysztof Zanussi (grande regista polacco vincitore di un Leone d’Oro a Venezia), solo per citarne alcuni.

Com’è nata l’idea?

Dalla voglia di arricchire l’esperienza con la carta stampata con il giornalismo online, che apre nuove frontiere di comunicazione.

Ti consideri un’influencer? Anche se per me è una diminutio.

Per definirsi “influencer” oggi ci vogliono numeri che raramente sono frutto di fenomeni spontanei. Generalmente si tratta di followers acquistati. Anche a me l’hanno proposto: ma ho rifiutato. Preferisco numeri più contenuti ma di persone vere, che davvero mi seguono e interagiscono con me. Less is More. Il canale sta crescendo, ma tutto grazie al mio lavoro, non certo a scappatoie di marketing.

Il caffè delle dieci è diventato un vero fenomeno virale. I personaggi più popolari, dal cinema alla moda, cultura, giornalismo, dello spettacolo e dell’arte, si contendono la tua ospitalità. Come te lo spieghi?

Siamo seguiti in tutto il mondo e la trasmissione ha sdoganato un certo modo di comunicare online rivolgendosi a un pubblico adulto.

Il perché della celerità di ogni appuntamento. Come si direbbe: il tempo per un buon caffè

Nessuno di noi oggi ha tempo da perdere di fronte ad interviste lunghe e “snervanti”. Andiamo tutti “per uno” (come si suol dire). Il bello del Caffè Delle Dieci è che dura tre minuti, il tempo di un veloce coffee break, appunto.

La scelta delle location?

Si tratta di club, bistrot, enoteche, studi di architetti o hotel di prestigio a Roma e in Italia, tutti luoghi suggestivi nel loro valore aggiunto di charme, eleganza, nuove tendenze. Per gli speciali “Discovery”, invece, mi collego da suggestive location non solom italiane ma anche straniere, come i siti archeologici della Sardegna, i parchi dell’Olanda , i mercatini natalizi viennesi.

Qualche episodio di gossip.

Al Caffè Delle Dieci abbiamo anticipato, per esempio, l’arrivo sul mercato italiano del robot Alexa, divenuto qualche mese dopo un vero cult su Amazon. Ma abbiamo anche lanciato la sfida a Fiorello con sua sorella Catena, ribattezzandola “Fiore contro Fiore”.

Da te molti si aprono e si raccontano. Qualche episodio interessante?

C’è chi, come Sofia Bruscoli, ha rivelato a sorpresa di amare la pizzica, tipico ballo salentino liberatorio. Chi ha suonato live le sue colonne sonore più belle, come Andrea Morricone, chi ha rivelato a sorpresa di essere astemio, come Carlo Verdone.

Come ti hanno accolta i tuoi “colleghi” youtubers. Qualche aneddoto?

Devo dire che a parte pochi “invidiosi” il resto della community mi ha accolta e mi segue con grande calore e interesse, davvero inaspettati direi. Lo dimostrano i tanti commenti affettuosi in calce ai video postati.

Numerosi riconoscimenti quali: il Premio Stelle Nascenti e il Premio CARTAGINE 2.0, come nuova start up dell’intrattenimento e inviti in tv e trasmissioni radiofoniche come Il Maurizio Costanzo Show. Te lo saresti mai aspettato?

All’inizio no, però, ripensandoci, nella trasmissione della mia web tv c’è un “plus” innovativo, e –secondo la legge orientale del karma- qualche riconoscimento sarebbe dovuto arrivare. Ne sono fiera.

Traguardi prefissati?

Ci aspettano importanti trasferte di lavoro. A maggio nella Lapponia Finlandese e a ottobre in Messico. Il canale si specializzerà sempre di più in viaggi di taglio naturalistico/culturale e strutture ricettive di alto livello da promuovere worldwide.