Fare storia e impresa con SEM-Società Editrice Milanese

0
427
Negli ambienti liberty della sede milanese Riccardo Cavallero e Mauro Rossetti hanno creato SEM-Società Editrice Milanese


ARTICOLO PUBBLICATO SUL N. 1 DI FEBBRAIO 2019 DI CULTURAIDENTITA’

Ci sono due modi per rischiare grosso in Italia: 1) aprire una galleria d’arte e 2) aprire una casa editrice. Ma c’è  chi, già attivo nel mondo editoriale, decide di andare controcorrente  e studiare i meccanismi economici, culturali e sociali di oggi con l’obiettivo di fare l’impresa: aprire una casa editrice, appunto. Riccardo Cavallero, già direttore generale di Mondadori Libri Trade, nel gennaio 2017, insieme a Mario Rossetti socio fondatore di Fastweb e CFO di Open Fiber, ha creato SEM-Società Editrice Milanese, una piccola casa editrice nel cuore liberty di Milano, un open space in via Cadore 33. Società Editrice Milanese è un nome che evoca produttività, sa di fabbrica e ha un logo volutamente demodè ma ricercato, dall’attitudine molto “novecentista”. SEM pubblica ogni titolo in formato tradizionale, ebook e audiolibro, con un’offerta alla quale di questi tempi non si direbbe no: acquistando un libro cartaceo, ci portiamo a casa gratuitamente anche la versione digitale. Per quanto attiene alla linea editoriale, la scelta di SEM è limpida: il claim è “fare storie”, cioè narrativa, letteraria, di confine e di genere, con piccole incursioni nella saggistica, senza collane. La produzione annuale (50% autori italiani e 50% esteri) conta quaranta titoli, spaziando dagli esordienti ai consolidati. Caratteristica della ditta è poi l’organizzazione, ogni giovedì sera, di serate ad ingresso libero, che non si limitano alla presentazione di libri (anche esterni all’editore), ma che spaziano dal teatro alla musica live a incontri sui principali temi dell’attualità culturale, lanciati nell’iperuranio web via dirette Fb e Instagram al fine di creare una comunità allargata. Per farlo, basta registrarsi su www.semlibri.com. SEM è fatta da operatori culturali che legano la cultura alla vita, per i quali i libri sono creature, “figli” che ti coinvoglono al 100%, come il Premio Bagutta Opera Prima Roberto Venturini, Laura Calosso e i giallisti milanesi Dario Crapanzano e Paolo Roversi, per un catalogo SEM che non passa il tempo a ingiallire sulle ideologie culturali.