Per un’Europa delle piccole patrie

0
1238
CC0 License Source pixabay.com

Chi sono i sovranisti? Uscito per Historica edizioni il 23 gennaio, Sovranismo. Un’occasione per l’Europa è un libro corale di Vincenzo Sofo, Lorenzo De Bernardi e Fabrizio Fratus, con prefazione di Pietrangelo Buttafuoco.

E’ diviso in cinque parti che indicano i principi di un’Europa sovranista a partire dall’Italia: le alleanze internazionali (a partire dalla Francia e scoprirete perché), la famiglia (fondamento dell’identità), il rapporto interlocutorio e fattivo col mondo musulmano (per la posizione geografica dell’Italia), l’implementazione di un’economia comunitaria (un modello lontano nel tempo ma che, secondo gli autori, una volta adattato darebbe i suoi frutti), il superamento delle ideologie.

A suo modo visionario (“non basta governare la realtà, ma serve anche immaginare un futuro per poter riuscire a costruire un destino”), Sovranismo. Un’occasione per l’Europa sdogana il concetto di heimat, termine tedesco polisemico che in italiano potremmo tradurre con “casa”, “piccola patria”, “luogo natio” e che, invero, già in questi ultimi due anni ha iniziato a prender piede anche a partire da territori disciplinari distinti ma non distanti dalla cultura politica.

Articolo precedenteGian Maria Volontè, l’attore che rubava le anime dei suoi personaggi
Articolo successivoRomina Falconi e il suo canto di libertà
Emanuele Beluffi
Milanese, dal 2008 cura mostre d'arte e scrive per i relativi cataloghi; nel 2009 inventa una rivista di critica d'arte (“Kritika”, con l’artista Mihailo Karanovic e il critico Stefano Mazzoni). Dal 2018 è responsabile di redazione a Il giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ha scritto di arte su magazine specializzati. Autore, con Flaminio Gualdoni, della monografia sull’artista Andrea Mariconti per conto della galleria milanese Federico Rui Arte Contemporanea (Skira editore, 2012). Nel 2016-17 collabora alla campagna elettorale di Stefano Parisi come coordinatore del Gruppo Cultura di Energie PER l'Italia, organizzando la parte culturale del programma politico. È stato promotore editoriale (editrice Mursia), archivista in Fondazione Biblioteca di via Senato e Biblioteca d'Arte del Castello Sforzesco, agente editoriale (Librimport, libri illustrati d’importazione) entrando in contatto con svariate agenzie di comunicazione come Armando Testa, Lowe Pirella, Ogilvy, Leo Burnett et cetera e redattore in un'agenzia di pubblicità specializzata.