I Musicanti: Pino Daniele a teatro

0
263

La musica di Pino Daniele vince sempre. È viscerale, passionale, potente. Vince anche quando diventa musical. Musicanti prende in prestito trenta brani tra gli oltre quattrocento del suo repertorio per confezionare uno show teatrale che ha già infiammato le piazze di Napoli e Bari.

La guida artistica è affidata a Fabio Massimo Colasante, il chitarrista che ha partecipato agli ultimi 18 album del bluesman partenopeo. Ha scelto di riproporre live sul palco gli arrangiamenti originali con una coinvolgente band di amici di Pino ossia Elisabetta Serio (piano e tastiera), Hossam Ramzy (percussioni), Alfredo Golino (batteria), Roberto D’Aquino (basso), Simone Salza (sax), Fabrizio De Melis (viola), e in alcune repliche le guest Mel Collins (sax) e Jimmy Earl (basso). Il punto forte dello spettacolo, trascina lo spettatore con tutta la carica del Neapolitan power.

E allora via con le storiche Na Tazzulella ’e cafè, A me me piace ’o blues, I say I sto ’ccà, Napule è, Viento, Yes I know my way, Je so pazzo, Lazzari felici e molte altre intervallate da alcune canzoni più recenti come Che soddisfazione e Anima. Gran chiusura con Tutta n’ata storia.

Note che danno volto ad una storia, scritta da Alessandra Della Guardia e Urbano Lione, che affonda nella sceneggiata napoletana ed è pregna di romanticismo con un lieve sentore di cinema americano.

Musicanti parla del giovane Antonio (Alessandro D’Auria), che torna, pieno di pregiudizi, nella sua Napoli per un lascito testamentario. Sul suo cammino incontrerà tanti personaggi che lo aiuteranno a cambiare idea e amare quel territorio orgoglioso e dispettoso, ricco di cultura e contraddizione. Una su tutte Anna (Noemi Smorra), la cameriera e cantante del locale che ha ereditato, con il suo amico Teresina (Francesco Viglietti); rincontrerà Rita (Simona Capozzi), resterà ammaliato dai racconti di Donna Concetta e Tatà (Maria Letizia Gorga e Enzo Casertano) e aprirà il suo cuore incontrando il nonno di Anna (Ciro Capano). Il tutto in una una scenografia imponente.

Tra i più applauditi Leandro Amato nel ruolo O’ Scic con i suoi balli caricaturali e Pietro Pignatelli grazie ad un grintoso Dummì. La regia di Bruno Oliviero da il giusto ritmo alla narrazione.

Unico neo le coreografie poco appassionanti. Prodotto da Sergio De Angelis per Ingenius Srl, Musicanti farà tappa a Firenze il 14 e 15 febbraio al Teatro Obihall, a Torino il 23 e 24 febbraio al Teatro Colosseo, a Milano dal 7 al 17 marzo al Teatro Arcimboldi, ad Assisi il 12 e 13 aprile al Teatro Lyrick, e a Roma dal 7 al 12 maggio al Teatro Olimpico.