Otto giorni per non dimenticare: il nuovo inizio di Norcia

0
246

Un momento di riflessione e preghiera sotto il monumento di San Benedetto posto nell’omonima piazza al centro della città di Norcia per ricordare quel 30 ottobre 2016, giorno in cui una scossa di magnitudo 6.5 causò gravissimi danni al patrimonio artistico e infrastrutturale del comune in provincia di Perugia: la otto giorni di Norcia, città resiliente verso una comunità smart, organizzata dalla Regione Umbria e dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicola Alemanno, prosegue con il suo programma ricco di eventi che ruotano intorno al tema della ricostruzione.

Otto giorni per non dimenticare, otto giorni per celebrare un nuovo inizio.

Dopo la presentazione del libro di Giusi Quarenghi, Chiara Carminati e Beatrice Masini, Aicron. Storie di una ricostruzione fantastica (Solferino editore, 2018, 130 pagine), sabato è stata la volta dello spettacolo tra luci ed ombre Ti racconto una lenticchia

L’incontro è stato promosso dall’Unesco, dal Comune e dall’Istituto Onnicomprensivo De Gasperi – Battaglia sulle sinergie e identità territoriali, che hanno dato il via all’iniziativa

Ricostruzione è stato il tema principale consiglio comunale ad Agriano, mentre il tema Innovazione ha tenuto banco al seminario formativo tenutosi ieri nella tensostruttura dell’ex stadio comunale Europa.

E proprio per celebrare i passi in avanti compiuti da quel doloroso 30 ottobre 2016, il sindaco Nicola Alemanno, insieme al vicepresidente della Regione Fabio Paparelli, al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Vito Crimi e alla Presidente della Regione Catiuscia Marini, ha inaugurato lo spazio di 1.500 metri quadrati destinato ai commercianti, le cui attività sono state rase al suolo dal sisma. La struttura ospiterà otto ristoranti, un bar e la sede della scuola di volo.

L’iniziativa proseguirà fino al 4 novembre, con un’alternanza di eventi, spettacoli ed incontri commemorativi focalizzati sulla rinascita, sulla sinergia e sulla memoria, affinchè la tragedia di due anni fa sia un punto da cui ripartire.