Ciro Palumbo, quando i supereroi guardano al mondo classico

0
377
HO SCELTO DI SOGNARE, 2017, olio su tela, 100x100 cm
HO SCELTO DI SOGNARE, 2017, olio su tela, 100x100 cm
HO SCELTO DI SOGNARE, 2017, olio su tela, 100x100 cm
HO SCELTO DI SOGNARE, 2017, olio su tela, 100×100 cm fonte palumbociro.it

Ciro Palumbo è un pittore, classe 1965, nato a pane e fumetti. E’ anche un amante della classicità e di quei Maestri un po’ maudit della pittura, fra Simbolismo, Metafisica e Romanticismo, come Böecklin e De Chirico.

Ma Ciro Palumbo è anche pop, non tanto nel senso warholiano del termine, quanto piuttosto nel suo senso più semplice: popolare, appunto. In lui i Supereroi si ergono al rango degli eroi del mondo classico, con un tributo a quelli della storia della pittura.

Ecco allora, sullo sfondo di un frammento di paesaggio della metafisica dechirichiana, un eroe greco, forse Aiace, tiene fra le mani uno scudo con il “logo” di Superman, mentre una maschera stilizzata di Spiderman sovrasta un accenno del celebre L’isola dei morti di Arnold Böecklin.

Per Ciro Palumbo in questi giorni doppio appuntamento: a Milano, al Mondadori Store di piazza Duomo nell’ambito del progetto StArt a cura di Angelo Crespi, dal 23 ottobre all’11 novembre.

E a Roma, da oggi 27 ottobre fino al 25 novembre, all’interno dello Stadio di Domiziano, sito archeologico in Piazza Navona e patrimonio UNESCO, con The strength of gods and heroes (La Forza degli Dei e degli Eroi), mostra prodotta e organizzata da Canova e curata sempre da Angelo Crespi.

Articolo precedenteDal contadino siciliano al marinaio ligure, 22 eroi della Grande Guerra
Articolo successivo“La Rampicante” di Davide Grittani, romanzo vitale e disperato
Emanuele Beluffi
Milanese, dal 2008 cura mostre d'arte e scrive per i relativi cataloghi; nel 2009 inventa una rivista di critica d'arte (“Kritika”, con l’artista Mihailo Karanovic e il critico Stefano Mazzoni). Dal 2018 è responsabile di redazione a Il giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ha scritto di arte su magazine specializzati. Autore, con Flaminio Gualdoni, della monografia sull’artista Andrea Mariconti per conto della galleria milanese Federico Rui Arte Contemporanea (Skira editore, 2012). Nel 2016-17 collabora alla campagna elettorale di Stefano Parisi come coordinatore del Gruppo Cultura di Energie PER l'Italia, organizzando la parte culturale del programma politico. È stato promotore editoriale (editrice Mursia), archivista in Fondazione Biblioteca di via Senato e Biblioteca d'Arte del Castello Sforzesco, agente editoriale (Librimport, libri illustrati d’importazione) entrando in contatto con svariate agenzie di comunicazione come Armando Testa, Lowe Pirella, Ogilvy, Leo Burnett et cetera e redattore in un'agenzia di pubblicità specializzata.