Coi piedi per terra, Guido Castelli riparte dal territorio

0
17
CC0 Creative Commons
Coi piedi per terra: quando i "like" si mettono al territorio
Facebook

Coi piedi per terra (Edizioni dEste, 2018, 176 pagine, 12 euro) è il titolo del nuovo pamphlet di Guido Castelli, da nove anni sindaco di Ascoli Piceno. Qui la politica di oggi viene raccontata senza ideologie e retorica: «Il territorio – scrive Castelli – riafferma il principio di realtà che la Rete ha contribuito a far smarrire».

Castelli non si sottrae dal proporre ipotesi di lavoro, come il manifesto riassunto nel lungo complemento del titolo in copertina: “Dal mito di Anteo all’Italia dei Comuni. Per chi non vuole fermarsi alla politica dei like o dei vaffa e preferisce ripartire dai territori, dalle comunità, dalle famiglie. Dalle autonomie E dalla sussidiarietà“.

Ripartire dal territorio: coi piedi per terra si possono rimuovere le macerie del terremoto e della politica, riducendo lo spazio che per troppo tempo ha separato cittadini e istituzioni: «Credo che l’Italia di domani sia sempre più un’Italia dei Comuni».

Ampio spazio nel libro è dato alla famigerata burocrazia e a quei legislatori che complicano la vita agli amministratori pubblici «Semplificateci la vita e vedrete che i Comuni sapranno funzionare meglio. Non basta eliminare a parole il Patto di Stabilita’. Ci vuole un Patto di Semplicità».