Teatro Manzoni 2018-19 in scena da Alessandro Preziosi a Raul Cremona

0
401
Il Teatro Manzoni punta su prosa e cabaret per una stagione 2018-2019 di successo

Il Teatro Manzoni punta su prosa e cabaret per una stagione 2018-2019 di successoEra il 1978 quando il Gruppo Fininvest decise di investire nel Teatro Manzoni salvandolo da un triste destino: diventare un supermercato. A quarant’anni da un momento fondamentale per la storia di questo teatro, il calendario degli spettacoli 2018-2019 conferma e celebra l’anima vocata alla prosa del Manzoni che ne ha contribuito in modo decisivo al successo.

Il primo spettacolo in programma, A Testa in Giù con Emilio Solfrizzi, pare essere una prosecuzione della scorsa stagione di prosa dove il fil rouge di tutte le pièce proposte è stata un’intelligente e spietata analisi dei rapporti sentimentali. In questa commedia Daniel invita a cena, contro il parere della moglie, il suo migliore amico Patrick e la sua nuova conquista Emma per la quale ha lasciato la moglie. Questo invito sarà la miccia per far esplodere un turbinio di dubbi, ripicche, frustrazioni, gelosie e invidie. Uno spettacolo che fa ridere e al tempo stesso riflettere, con la regia dell’acuto Gioele Dix.

Si prosegue con Alessandro Preziosi nell’insolita veste di Van Gogh. Il pittore, la sua permanenza nel manicomio di Saint Paul, il rapporto con la creatività e tutti i risvolti psicologici che la situazione e il personaggio forniscono, vengono messi in scena in Vincent Van Gogh – l’odore assordante del bianco, per la regia di Stefano Massini.

Ancora una volta ritroviamo sul palco del Manzoni Vincenzo Salemme, questa volta con la commedia Con tutto il cuore, nei panni di un remissivo insegnante di lettere alle prese con un trapianto di cuore dagli effetti collaterali decisamente imprevedibili.

È poi il turno di Alessandro Haber nella toccante pièce Il Padre, la storia di un uomo che mostra i primi segni di una malattia che potrebbe essere il morbo di Alzheimer. La figlia Anna, interpretata da Lucrezia Lante della Rovere, si rederà conto di quanto ancora il padre abbia da dare e da insegnare, nonostante il momento drammatico.

Ennio Fantastichini e Iaia Forte sono invece i protagonisti di Tempi nuovi, alle prese con i destabilizzanti e profondi cambiamenti avvenuti nella società nell’epoca attuale. La regia di Cristina Comencini è una garanzia.

Dimenticatevi Sogno di una notte di mezza estate come lo avete visto finora, nella rilettura di Massimiliano Bruno acquista modernità e contemporaneità. Puck qui è un violinista che non sa suonare, Bottom un pagliaccio senza palcoscenico, Oberon un antesignano cripto-gay e Titania una ammaestratrice di bestie selvagge. Il fulcro di tutto resta l’amore. Sorprendenti gli interpreti: Violante Placido, Stefano Fresi, Paolo Ruffini e Augusto Fornari.

Con Michele Placido e Anna Bonaiuto in Piccoli crimini coniugali si torna a parlare dei difficili equilibri all’interno del matrimonio, soprattutto quando si sta fianco a fianco per tanti anni e si sono consolidate dinamiche relazionali più o meno inconsce, che vale la pena comprendere e mettere in luce.

Chiude la stagione della prosa, Il Pomo della discordia di e con Carlo Buccirosso, commedia in cui si torna a ridere con leggerezza, nonostante si affrontino temi come il difficile rapporto tra genitori e figli e l’esistenza di pregiudizi duri a morire.

Come da tradizione, il divertimento al Manzoni è assicurato grazie all’esplosivo palinsesto dedicato al Cabaret, con comici che strappano risate al solo comparire sul palco. I mattatori di questa stagione saranno: Giovanni d’Angela, Paolo Cevoli, Francesca Reggiani, Massimo Lopez e Tullio Solenghi, Gabriele Cirilli, Enrico Bertolino e Luca Bottura, Lillo&Greg, Teresa Mannino, Antonio Ornano e Angelo Duro.

Oltre a Prosa e Cabaret, non mancheranno i contenuti EXTRA con appuntamenti di qualità dedicati al balletto, all’arte, alla cultura, alla storia, all’operetta, alla magia e non solo. A condurre gli spettatori attraverso imperdibili momenti di intrattenimento e di riflessione, personaggi del calibro di Elisa Greco, Walter Rolfo, Raul Cremona, Simone Cristicchi, Vittorio Sgarbi, Drusilla Foer.

Ricco anche il calendario degli spettacoli del sabato pomeriggio e della domenica mattina dedicati ai bambini con grandi classici molto amati dai più piccoli come Malefica, Il Gatto con gli stivali, Robin Hood, Il Brutto anatroccolo, La bella addormentata, La bella e la bestia, La sirenetta, Il lupo e i sette capretti, Heidi, I tre porcellini, Il mago di Oz.

Si inizia l’11 ottobre con A testa in giù. Con un programma così allettante, non resta che scegliere gli spettacoli da vedere e prenotare subito il proprio posto sul sito teatromanzoni.com, dove si trovano i dettagli del caso, comprese date e costi.