Che triste uscita caro Gene…

19
681

Proprio ieri, in collegamento con la “rossa” Lilli Gruber, se n’è uscito con un’altra.

Un’altra battuta, ma questa volta seria, anzi drammatica.

Ha detto che la sinistra deve essere seria.

Che deve smetterla con le battutine.

Che la sinistra manca di serietà e la situazione è drammatica signora mia.

Insomma, la sinistra ha scocciato pure a lui. Per fronteggiare il ba bau al governo gli show di Renzi non servono a niente.

Lui però una battutina sbagliata l’ha fatta. E pure grossa. Non è la prima volta che le smargiassate cattive, se arrivano da una parte, sono scusabili, mentre se a dirle è un’altra parte, allora apriti cielo…

Vi proponiamo la smargiassata di Gene Gnocchi, al quale non manca la serietà ma nemmeno, questa volta, il-senso-del-far-ridere quando la battuta mette i brividi per la paura che essa suscita… (Redazione)

Ma che cosa gli è passato per la testa? Lo si difende sempre perché è un gran comico, ma non possiamo proprio evitare di commentare la sua uscita dell’altra sera nel salotto compassato di Giovanni Floris come “voce dal sen fuggita”: niente niente Gene Gnocchi ti dice che Claretta Petacci è un maiale.

Bon, un passo indietro: la foto del famoso suino romano mentre rovista nell’immondizia resa virale da Giorgia Meloni come “commento plastico” dell’incapacità del sindaco Virginia Raggi a gestire quel che ormai s’è fatto ingestibile non solo ha scatenato l’ovvio “alzamiento” indignato dei “grilletti” al potere nell’Urbe, ma ha dato la stura “ex post” a Gene Gnocchi per una battuta che non fa ridere perché non ha senso. In nessun senso: «E’ un maiale femmina. Si chiama Claretta Petacci».

1516202548281.jpg--a_roma_e_show_tra_raggi__meloni_e_il_maiale_dei_casamonica

E ‘sti cazzi??! Cosa c’entra? Perché? Caro Gene, eri forse ospite di un collettivo politico indietro nel tempo al 1977? Dovevi far bella figura perché eri in una casa occupata e fuori c’erano i celerini? Volevi affascinare la ragazza col pugno chiuso dietro le barricate? O forse ti sentivi in un’area protetta (Floris) e quindi ti pensavi libero di sparare le meglio cazzate?

Ma dai, questi arditismi da presidio democratico contro i rigurgiti fascisti (brrrr…..) te li perdoneremmo se fossimo nel pieno degli scontri fra sanbabilini (dal nome di Piazza San Babila a Milano) e autonomi negli anni Settanta, ma oggi?

Dai Gene, perfino una deputata Dem ti ha castigato, non ricordo il suo nome ma ricordo benissimo che ti ha detto che le donne non si toccano: di qualunque colore politico, le donne non si toccano! E nemmeno i morti, di qualunque fede! E poi, scusa Gene, ma lo sai che la povera Petacci fu uccisa perché la sua unica colpa era stata quella di aver amato Mussolini? Che bisogno avevi? L’hai fatta fuori dal vasino, sei passato dalle stelle alle stalle anzi alle porcilaie, che lasciano tutti, ma proprio tutti, AGGHIACCIATI: perfino Floris è rimasto senza parole, non sapeva che dire.

Ma chi sono io maschietto per darti il benservito? “Siamo tutte maiale !!! #GeneGnocchi“, leggo in un tweet sul profilo di Nina Moric, la quale in quanto donna ti ha risposto con una di quelle rasoiate che solo le donne sanno dare: “#GeneGnocchi è l’unico essere umano la cui voce nonostante la R moscia, invece di risultare eccitante è una delle principali cause di secchezza vaginale“.

Tiè! Indignati caro Gene, ma mi sa che ora sei rimasto tu senza parole.

19 Commenti

  1. Gene, sei un grande artista, ammetti che hai sbagliato. Rimedia. non perseverare. Perseverare è diabolico. Con affetto TCB.

  2. Citanto Vittorio Feltri……Capita a chiunque di sbagliare. Stavolta è toccato a te, e ti conviene fare marcia indietro senza nasconderti dietro a un dito sporco di merda antifascista.

  3. caro Gene Gnocchi, mi sento di fare un commento che non ha alcuna fisionomia politica, ma se la tua” uscita” voleva essere una battuta esilarante, e’ stata proprio, per usare un eufemismo, di cattivo gusto….hai cannato!.
    Con affetto Franco

  4. Se questo uomo dicono che è un comico, allora non hanno mai visto i veri comici, i veri comici fanno divertire e ridere senza insultare e offendere altre persone. Questo uomo, gene gnocchi, in minuscolo, non ha questa capacità, alla Domenica sportiva lo hanno mandato via a pedate, non fa ridere nessuno….però è un “artista” ma solo nel farsi pagare non essendo capace di fare niente.

      • “E’ il maiale della Meloni, è un maiale femmina, si chiama Claretta Petacci”
        Questo ha detto Gnocchi, si evince quindi che la Meloni abbia chiamato il maiale Claretta Petacci, forse in un eccesso di affetto ha voluto dare al suo animale da compagnia il nome di una persona a lei cara… Visto così fa un altro effetto…

  5. Che cosa c’è di così “comico” nello sbeffeggiare una Donna che fu barbaramente assassinata ? Non hanno proprio altri argomenti a cui aggrapparsi per farsi (indecorosamente) un poco di pubblicità in più ?

  6. Scusi Emanuele, ma come fa a sostenere che Gene Gnocchi è “un gran comico” ? forse lo era in passato, quando era nella compagnia del Drive in, da cui è stato forse cacciato; adesso fa pena, una gran pena. E non fa ridere più nessuno tranne quelli che lo devono fare per prendere lo stipendio. Io ho visto qualche inizio di puntata del programma di Floris, ma le battute di questa specie di uomo (comico?) mi hanno sempre indignato. Ma come si fà a seguirlo ancora? Mi stupisco che il Dott. Cairo lo tenga ancora sul libro paga! Forse non si rende conto del danno che reca alla trasmissione! Ridateci Crozza! per chi segue lLa 7 , non per me: io seguivo solo lui poi cambiavo canale. Floris è indigesto. Grazie per l’ospitalità.

  7. Che brutto mondo,non c’è più nessun valore,nessun rispetto.le regole non vengono più rispettate,i preposti per farlo non hanno il valore morale per farlo…..siamo alla fine di un mondo,usare le parole”Dio,patria e famiglia ” è diventata una bestemmia. ……che Dio ve gli sui nostri figli e nipoti

  8. frasi offensive sono da evitarsi sempre,verso chiunque !
    c’è sempre chi non apprezza e forse un domani potresti incontralo offeso ed arrabbiato.

  9. La notte del 17/1, Sant’Antonio Abate ,gli animali parlano, pure l’asino dice la sua.

    Diritto di satira!

  10. Moderatore, paura dei commenti sgraditi ?
    Gnocchi un grande comico ? Diremmo un imbecille di successo. Se qualcuno riesce a qualificarlo come comico non si illuda poi che l’idiota di turno non gli si rivolti contro come un cane rabbioso.

  11. Grande attore comico ?? Un imbecille di successo. Questa è la giusta sveglia per voi che lo avete considerato uomo degno di rispetto.

  12. Gene Gnocchi, non potendo rivendicare il diritto di professarsi anche intelligente, ripiega sul diritto di fare satira!!! …..Peccato però che sia ancora più carente di capacità di fare satira, di quanto sia carente come intelligenza!!

Comments are closed.