#CulturaIdentità con la commissione Cultura per il Movimento Spettacolo dal Vivo

0
21
CC0 Creative Commons
CC0 Creative Commons

#CulturaIdentità sostiene da sempre la scena teatrale italiana: del resto il nostro fondatore Edoardo Sylos Labini è uomo di teatro. Già nell’editoriale della scorsa settimana l’onorevole Mollicone aveva denunciato la solita spartizione del FUS tra i “soliti noti”. Ora all’appello lanciato dal rappresentante di FdI si sono uniti i colleghi Patrizia Marrocco di Forza Italia e Cristina Patelli della Lega, con l’intervento in conferenza del vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, Paola Frassineti Vicepresidente commissione Cultura e del senatore Antonio Iannone.

Da queste pagine daremo voce a tutti quegli operatori culturali che sono stati ingiustamente esclusi dai finanziamenti pubblici. (Redazione)

Ecco le dichiarazioni di Mollicone:

stamane, intervenendo su invito del costituendo Movimento spettacolo dal vivo, ho espresso la mia solidarietà alle centinaia di compagnie di teatro, danza, circhi e spettacolo, escluse pur essendo storiche e già finanziate nei passati trienni dalle commissioni nominate dal Ministro alla Cultura uscente Dario Franceschini, che evidentemente non è ancora uscito dal Mibact.

Come Fdi per primi abbiamo presentato interrogazioni per denunciare questa vicenda, ma oggi abbiamo partecipato come componenti delle Commissioni di Camera e Senato con i colleghi della Lega e di Forza Italia e del M5S che hanno voluto portare la solidarietà agli artisti.

Un’ultima interrogazione firmata trasversalmente, chiederà al Ministro di riesaminare in autotutela gli esclusi e in subordine finanziare ulteriormente il Fus (Fondo Unico dello Spettacolo).

Chiederemo anche che il Movimento spettacolo dal vivo possa incontrare il Ministro e i sottosegretari Bergonzoni e Vacca per salvare la scena italiana da un’ipoteca davvero ‘sinistra’.

LEGGI ANCHE: Cambia il Governo ma al FUS non cambia nulla!