Laura Azzariti, il made in Italy che stanno facendo fallire

0
498
Courtesy Laura Azzariti

Laura Azzariti è la stilista che, nel 2009, ha dato vita al brand Princess Handle With Care (Principessa maneggiare con cura). Per lei, la moda è una filosofia, un’espressione di bellezza e di raffinatezza. “Vorrei essere il daft punk della moda”.

La sua linea è un omaggio alle donne che sono state vittime di violenza fisica e morale.

Ad oggi, non riuscendo più a far fronte alle spese, si è trovata costretta a chiudere la sua società.

Pochi giorni fa, ha scritto su Twitter: “Sto per chiudere la mia società: 8 anni di sacrifici VERI senza vacanze lavorando sempre e per 10 persone. Chiudo Grazie ai NON provvedimenti per #pmi e #madeinitaly. Non sono figlia di papà e mi chiedo che farò ora per me che maglietta indossate?”.

Laura, partiamo dal tuo post. Perché hai deciso di ricorrere a Twitter per comunicare il tuo messaggio? Immaginavi di arrivare a così tanta gente?

Uso Twitter per seguire la politica. Questo post è stato uno sfogo. Non pensavo di attirare tutta questa attenzione. La realtà italiana è fatta di piccole imprese, di piccoli artigiani. C’è un universo di piccole imprese che sta fallendo. Non capisco perché ci si indigni per gli immigrati, che è giusto, ci mancherebbe, però spesso le storie italiane non fanno questo grande scalpore. A volte, non si guarda al vicino di casa, ma poi ci si mette una maglietta rossa per un immigrato. Non è certo mettendosi una maglietta rossa che si cambiano le cose, ma è con uno spirito di solidarietà, gli uni verso gli altri.

Courtesy Laura Azzariti

Raccontami la tua storia.

Per 8 anni ho lavorato non stop. Ho fatto tutto sola. Ero diventata isterica. Mi ero isolata dal mondo, dagli amici. Si dovrebbe lavorare per vivere e non viceversa. Non potevo assumere personale, perché non riuscivo a guadagnare per andare avanti. Se vuoi emergere online, devi fare tanti investimenti in pubblicità, altrimenti sei spazzato via dai gruppi come Zalando o dai grandi brand. I giornali che prima mi pubblicavano, hanno smesso perché non potevo permettermi una pagina in offerta a 5000/6000 euro. Alla fine, ho rinunciato. Per mia fortuna, non ho chiesto prestiti.

Quali sono le difficoltà che hai incontrato nel produrre Made in Italy?

Costi altissimi dalle materie prime alla produzione per finire con la pubblicità. Alcuni filati costano 60 euro al kg. I miei tessuti erano gli stessi di quelli usati dai brand come Gucci, Valentino, Fendi. Lo so perché avevamo gli stessi rappresentanti. E’ triste vedere che siamo invasi da prodotti cinesi, a basso costo e nocivi, ed il Made in Italy non venga tutelato.

Courtesy Laura Azzariti

Un episodio off che vuoi raccontarci?

Più di una volta, alcune persone famose hanno scelto dei miei capi in regalo. Non vedevo l’ora di vedere le foto. Ritenendo probabilmente che i brand gli debbano regalare i loro capi in quanto “vip”, è capitato sia che non si siano fotografate, sia che abbiano fatto foto senza citare il mio marchio. E’ stato un danno enorme. Non capiscono quanto costi creare dei capi ad un piccolo imprenditore. In un’occasione del genere, ho deciso di concludere la collaborazione con il mio primo ufficio stampa, in quanto non è stato in grado di difendermi.

La più bella soddisfazione?

La prima volta che ho visto in tv i miei capi, indossati da Caterina Balivo.