Grazie a la Trousse nasce il Festival a Casale Caletto

0
234

L’associazione Trousse nasce nel 1976 e in oltre quarant’anni ha prodotto spettacoli sociali nonché mostre, festival, eventi.

Attività sempre con un’attenzione particolare all’impegno sociale e al riscatto delle persone, delle storie, delle aree oppresse.

Proprio per questo da sei anni dirige il Centro Culturale Casale Caletto nell’omonimo quartiere fra i più disagiati di Roma – promuovendo, attraverso l’arte, quello slancio verso la bellezza, quella voglia di riscatto che rappresenta l’unica speranza per una Nazione che spesso sembra abbandonata a se stessa.

Tutte le attività svolte hanno garantito vari riconoscimenti prestigiosi tra cui la definizione di “Buona pratica culturale e per l’inclusione sociale” da parte della Regione Lazio.

Momento centrale delle attività della Trousse è il Casale Caletto Festival che quest’anno inizierà il 7 luglio. Un festival, ad ingresso gratuito, ormai storico tra quelli dell’Estate Romana, che unisce cinema, teatro e danza sempre con l’idea di accendere una luce nei quartieri dove il disagio prova a spegnere le speranze.

Questa settima edizione, riconosciuta tra gli eventi ufficiali dell’Anno Europeo del Patrimonio, unisce la tradizione romana, grazie ad Adamo Dionisi, alla cultura di Taiwan, la straordinaria magia di Supermagic con la proiezione di film dedicati al riscatto tramite lo sport, per concludersi con la realizzazione di una straordinaria opera d’arte di Kristina Milakovic.

Il festival si aprirà con uno spettacolo sulla Grande Guerra e, per questo, ha ottenuto il patrocinio per le attività dedicate al centenario della Vittoria perché, per la Trousse, il riscatto nasce dal passato per costruire il futuro.