“Gl’Irripetibili”, quei magnifici 7 che hanno percorso il 900 controcorrente

0
62

Personaggi, pionieri, precursori e piccoli diavoli. E’ questo il sottotitolo del primo libro de Gl’Irripetibili, di Francesco Sala, attore e regista teatrale romano, in uscita con Cooper a metà luglio, presentato in anteprima a Roma lo scorso 25 giugno al Teatro Belli.

Un libro, come l’autore stesso l’ha definito, “sulle ali della memoria”.  Un pamphlet di circa 100 pagine dedicato a personaggi che hanno rappresentato uno spaccato del cambiamento nuotando contro corrente e rifiutando l’omologazione strisciante.

Dissacranti, geniali, unici. Sono sette i ritratti che Sala ci propone, figure diverse che hanno segnato in vari ambiti il Novecento: Ettore Petrolini e Carmelo Bene per il teatro, Rino Gaetano e Gabriella Ferri per la musica, Marco Ferreri per il cinema, Gianfranco Funari per la tv e infine il brigante Carmine Crocco, perché la storia possa esser letta non solo dalla parte dei vincitori.

Carmelo Bene, Adnkronos

Figure geniali, eclettiche e anticonformiste, spesso incomprese, almeno all’inizio.

Sala mette insieme storie, biografie, commenti personali e contributi esterni in modo leggero, divertente, a metà tra il detective curioso e il narratore sapiente.

Il libro segue la storia, quella dell’ultimo secolo, ma anche le singole storie. Un secolo denso di accadimenti e figure di spicco legate da un fil-rouge, che è rappresentato da quel che di loro resta ancora oggi.

Una lettura agile arricchita dai contributi di Pino Aprile, Sergio Castellitto, Massimo Cinque, Maurizio Costanzo, Ugo Gregoretti, Pierfrancesco Pingitore, Franco Ruffini, Silvia Salvatori e Mario Vicari.