Barbara Ovieni: “Vi aspetto tutti a bordo campo”

0
87

Quando ci si trova davanti a Barbara Francesca Ovieni bisogna fare uno sforzo. Guardare oltre l’immagine e oltre la bellezza. Troppo facile ed evidente. Dietro questo stupendo paravento c’è una donna che sta costruendo la sua carriera, passo dopo passo, con determinazione, pazienza e competenza. Oggi è una delle presentatrici più note al pubblico dei calciofili e con i Mondiali in corso è quasi obbligatorio chiederle il suo parere sui temi caldi della kermesse russa.

Quante partite ha visto? Qual è la squadra che l’ha colpita di più e quale quella che l’ha delusa maggiormente?

Come tutti gli appassionati sto seguendo i mondiali. Mi piace seguire i calciatori della Serie A impegnati nelle varie nazionali. Sono colpita dal Portogallo, è dalla prima partita che tifo per loro. Da quando ho visto la tripletta di CR7 e anche per la presenza di Andrè Silva. Chi invece mi ha delusa un po’ è l’Argentina. Mi aspettavo molto di più con tutti quei campioni in squadra. Vedremo come si comporteranno nei turni ad eliminazione diretta.

Il calcio è un gioco di squadra, ma spesso ci si innamora di un calciatore in particolare. Tra quelli presenti al mondiale qual è il suo preferito?

Sarà scontato, ma mi ha colpito moltissimo Cristiano Ronaldo. E’ una forza della natura sotto tutti gli aspetti. Anche in questo Mondiale ha dimostrato chi è e quello che vale. Ha sbagliato un rigore contro l’Iran, ma tutti hanno capito ancora una volta che non è un semplice brand, CR7, ma un calciatore senza eguali.

In questi giorni abbiamo visto tanti tifosi in festa provenienti da tutto il mondo: quanto male fa non vedere gli Azzurri in gara?

Fa malissimo. E’ un’assenza incredibile non solo per gli italiani, ma per tutti. Abbiamo quattro Mondiali nel nostro palmares, ancora non riesco a farmene una ragione. Mi manca molto riunirmi con gli amici davanti alla tv per tifare per gli Azzurri.

Secondo lei da cosa dovrebbe cambiare il calcio italiano per tornare grande?

Dobbiamo investire nei settori giovanili senza riempirli di stranieri. Ci sono già troppi stranieri in campionato.

Tutti sanno della sua passione per il Milan. E’ notizia degli ultimi giorni quella di un interessamento di alcuni imprenditori americani per la società rossonera, le piacerebbe un Milan made in USA?

Sinceramente no. Preferirei un Milan tutto italiano come quello che ha fatto sognare i tifosi per tantissimi anni. Era un prodotto totalmente Made in Italy. Ovviamente mi riferisco alla proprietà. In ogni caso se servirà l’America per rimetterci in “forma” ben venga una società che riporti in alto il Milan.

Tra i calciatori che ha visto ai Mondiali c’è qualcuno che vorrebbe vedere con la maglia del suo Milan?

Io adoro James Rodriguez, il colombiano che gioca tra centrocampo e attacco. Dopo il Real Madrid e il Bayern Monaco mi piacerebbe proprio vederlo con la maglia rossonera.

Due domande sul suo presente e futuro professionale. Lei ha avuto una carriera molto varia, presentatrice tv, showgirl, concorrente di reality show, attrice e modella. Vuole continuare con questa grande poliedricità oppure si concentrerà solo su una strada?

E’ vero sono stata poliedrica in questo anni avendo studiato sia recitazione che conduzione mi sono lanciata in progetti diversi. Il mio obiettivo, però, è sempre stato quello di condurre e negli ultimi tre anni mi sono dedicata solo a questo e al calcio, che è la mia grande passione. Non escludo, però, in futuro di  presentare un programma di intrattenimento.

A parte i suoi seguitissimi profili social, dove potranno vederla i suoi fan questa estate? Farà delle vacanze o si dedicherà al lavoro?

I social mi permettono di stare sempre in contatto con i miei fan anche dopo la fine della stagione di Bordo Campo. Sarà un po’ in giro per l’Italia. Forte dei Marmi, Sardegna, la Puglia saranno le mie tappe estive. Non escludo qualche speciale dedicato al calciomercato, ma mi sto dedicando soprattutto alla mia linea di occhiali da sole che ho lanciato da poco sul mercato in collaborazione con un brand francese. Poi mi concederò un periodo di vacanza in attesa di tornare a mille con il nuovo campionato, sempre alla conduzione di Bordo Campo. Vi aspetto tutti.