“Da ragazzina ero molta scapestrata..”

0
280

images (53)

E’ in scena dal 3 al 20 maggio 2018 al teatro Manzoni di Milano con la commedia Quel pomeriggio di un giorno da star, diretta da Ennio Coltorti, insieme a Corrado Tedeschi: la bellissima Brigitta Boccoli si racconta a OFF (Redazione).

Artista eclettica e da nove anni mamma di Manfredi, il figlio avuto con Stefano Orfei Nones, Brigitta Boccoli non ha mai abbandonato il mondo dello spettacolo ed è da sempre alla ricerca di nuovi progetti capaci di stimolarla verso  altrettanto nuove sfide professionali.

Parla a ruota libera Brigitta e si commuove parlando di Gianni Boncompagni che ricorda al presente come se fosse ancora tra di noi.

Cos’è per lei il Circo?

Il Circo rappresenta al meglio ciò che sono io sia dal punto di vista artistico sia da quello umano; negli spettacoli circensi si cambia in continuazione, c’è dinamismo e ogni replica è diversa da quella del giorno precedente. Non amo la ripetitività, mi piace la spontaneità nel gesto artistico.

Ci sono stati artisti con cui ha lavorato che hanno mostrato questa capacità di “cambiare” copione?

Mi viene in mente una persona in particolare, Gianfranco D’Angelo, con cui era impossibile annoiarsi: istrionico e camaleontico spesso modificava lo spettacolo in diretta.

C’è stato un periodo OFF della sua vita che vorrebbe raccontare?

Da ragazzina ero particolarmente “scapestrata”, una testa calda che ha fatto vedere i “sorci verdi ” ai miei genitori. Immaginare così mio figlio Manfredi a 17 anni mi fa tremare i polsi 

C’è una persona del mondo dello spettacolo che ha nel cuore e che consideri il tuo maestro ?

Gianni Boncompagni per me è stato come un padre sia artistico che personale; è stato un grande uomo affettuoso e attento alla mia crescita artistica. Quando dovevo uscire di casa e mia mamma non mi dava il permesso dicevo “devo andare da Gianni” e lui, pur raccomandandomi di fare attenzione, spesso mi copriva le spalle. Poi Lino Banfi, con cui ho esordito in televisione, è sempre molto protettivo nei miei confronti.

LEGGI ANCHE: GIANNI BONCOMPAGNI “FUCILEREI DON MATTEO, CARCERE DURO A MONTALBANO!”