Libropolis, il festival fuori dal coro

0
46
Lorenzo Vitelli, Libropolis, editoria, giornalismo, L’Intellettuale Dissidente, GOG

Lorenzo Vitelli, Libropolis, editoria, giornalismo, L’Intellettuale Dissidente, GOGLibropolis, è un festival dell’editoria e del giornalismo, nato nel 2017 per volontà del Presidente dell’associazione, Alessandro Mosti e sostenuto dalla rivista online L’Intellettuale Dissidente e dalla casa editrice GOG.

La seconda edizione si terrà nuovamente al Chiostro di Sant’Agostino di Pietrasanta dal 19 al 21 ottobre, stavolta con il patrocinio non solo del Comune di Pietrasanta, ma anche della Regione Toscana e della provincia di Lucca.

Grazie al sostegno volontario dei tanti che in questo progetto hanno creduto fin dall’inizio, dagli espositori fino ai relatori, Libropolis potrebbe raggiungere risultati ancora più importanti (duemila visitatori nella prima edizione) a dimostrazione che c’è sempre più attenzione da parte del pubblico per il mondo della piccola editoria e dell’informazione indipendente.

Esistono tantissimi festival in Italia ma sono tutti profondamente autoreferenziali, ogni anno con gli stessi ospiti, gli stessi personaggi, gli stessi editori, che se la suonano e se la cantano: Libropolis è nato senza chiedere il permesso, con l’obiettivo di spezzare questo meccanismo culturale e costruire una narrazione alternativa a quella ufficiale, celebrata dalla grande editoria, i grandi media e le testate tradizionali.

Libropolis così diventa un modo per riappropriarci di una realtà sempre più mediata, filtrata, monopolizzata da un’industria delle fake-news, con l’aiuto di un comitato scientifico – composto da Marcello Foa, Alberto Bagnai, Marco Tarchi, Giovanni Lindo Ferretti, Alberto Negri – che già sta lavorando alla prossima edizione che vedrà ancora una volta riuniti per tre giorni intellettuali fuori dal coro, scrittori eclettici, autori emergenti, artisti indemoniati, editori scorretti. Ci vediamo a Pietrasanta.

LEGGI ANCHE: GOG: fare cultura per contrastare l’inclemenza dei tempi

LEGGI ANCHE: Giovani e anti-moderni. Intorno a L’Intellettuale Dissidente