Venezia Art Expo, 400 artisti nel segno della nuova creatività mondiale

0
52
ilGiornaleoFF vENEZIA ART EXPO
Enzo Dell’Acqua, Macchina per lanciare gli aeroplanini ed asciugare la lattuga mentre si beve il te, 2017, fotografia digitale, carta fotografica su supporto rigido
ilGiornaleoFF vENEZIA ART EXPO
Enzo Dell’Acqua, Macchina per lanciare gli aeroplanini ed asciugare la lattuga mentre si beve il te, 2017, fotografia digitale, carta fotografica su supporto rigido

Non sarà facile quest’anno per la giuria del premio biennale Venezia Art Expo mettere ordine tra i quasi 400 artisti selezionati. La pittura gioca il ruolo principale, segnalando una volta di più come l’esigenza di un ritorno alla tradizione sia avvertita sia a livello di mercato che da parte degli artisti. Il figurativo domina: paesaggi, ritratti, nudi, tra cui si fanno notare – per certi versi ai due estremi – l’olio su tela di Simona Battistelli, dove l’iperrealismo fotografico trova senso nella scansione impeccabile degli spazi e nell’uso suggestivo del colore e il paesaggio ad acrilico su tela di Dadul Chaliha, tutto giocato sui bianchi, bruni e neri, dove la visione notturna si stempera in colature di materia pittorica. L’astratto si fa interessante quando recupera allusioni di riconoscibilità, come nell’olio di Pierluigi De Lutti, dove il sovrapporsi delle pennellate (quasi un omaggio a Paul Jenkins) rivela la presenza di un fiume, o come nella deflagrazione di Ricardo Asensio. La scultura si ispira per lo più ai classici, ma riserva alcune sorprese. Come il sacro di cavallo decorato col pirografo da Keith Plummer o la maschera in carta di GUIKNI Guillermina Rivera, da cui fuoriescono riccioli, fiori e farfalle. Poca  fotografia, ma tutta interessante e con una certa propensione all’ironia, come il ritratto femminile Connessione fatale di Fabrizio Loiacono o l’elaborazione digitale di Enzo Dell’Acqua: Macchina per lanciare gli aeroplanini e asciugare la lattuga quando si beve il tè, composizione neodadasurrealista con una strizzatina d’occhio alla foto di moda.