Ciao Ray Lovelock, uomo affascinante dalla dolcezza disarmante

0
58

Screenshot (184)Si apprende con dolore della scomparsa di Ray (Raymond) Lovelock, attore e cantante italiano di padre inglese, avvenuta stamani a Trevi. L’attore, di soli 67 anni, è mancato a causa dell’aggravarsi di un tumore con il quale stava lottando da molti mesi, come ha dichiarato il fratello Andrea.

Una carriera eclettica e vivace la sua, iniziata presto. Ancora minorenne Ray era apparso nei fotoromanzi, grazie anche alla sua bellezza.

L’esordio cinematografico avvenne nel 1968 con Banditi a Milano di Carlo Lizzani in cui interpretava un ragazzo di una banda che terrorizza la città. Nello stesso periodo si dedicò alla musica, cantando nel complesso del collega Tomas Milian, incidendo da solista e componendo anche alcune canzoni per le colonne sonore dei film Il delitto del diavolo e Uomini si nasce poliziotti si muore.

Tra i suoi film più famosi, l’americano Cassandra Crossing (1976) di George Pan Cosmatos. Seguono molti ruoli in polizieschi italiani e, dal 1980 lavori per la televisione, tra i quali si ricordano La piovra 5 – Il cuore del problema (1990) – in cui interpreta un agente americano nella prima puntata ambientata a New York – e Caterina e le sue figlie (2007-2010). Volto noto anche nella tv italiana, protagonista di molte fiction di successo tra cui Incantesimo, negli ultimi anni era solito recitare spesso anche in teatro. Uomo affascinante, molto amato dalle donne oltre che per il suo talento e la sua bellezza anche per la sua signorilità e gentilezza. Lascia un buco nel panorama dello spettacolo italiano. Tutta la redazione di OFF si stringe ai suoi cari, Ciao Ray!

LEGGI ANCHE: Il re dei “poliziotteschi” ci ha lasciati e ora siamo più soli