‘Demo”, la POPcellana di gusto

0
46
ilgiornaleoff
Angelo Crespi
Demo e Angelo Crespi

«Porcellana, non ceramica», puntualizza Demo, al secolo Francesco De Molfetta, mentre osserviamo una serie di opere scelte della sua recentissima produzione d’arte esposte alla Triennale di Milano: piccole sculture in porcellana di gran fattura, con oro vero e colorazioni organiche, realizzate “alla maniera Capodimonte” secondo una tecnica di lavorazione rimasta invariata dal 700. “POPcellana” è il titolo della mostra curata da Angelo Crespi, in collaborazione con 29 ARTS IN PROGRESS gallery, primo di una serie di appuntamenti nel Palazzo delle Arti col fine di presentare il lavoro di giovani artisti che reinterpretano in chiave moderna i materiali della tradizione (“Materialmente” è infatti il titolo del ciclo espositivo).

LEGGI ANCHE: La dolce porcellana per distruggere il sistema di massa

ilgiornaleoff

Con De Molfetta a farla da padrona è quella che il filosofo Immanuel Kant chiamava “la lordura dell’esperienza”, cioè il sapere e il saper fare -che sono poi le cose che ti vengono richieste per prime, nella vita come nell’arte. Con in più uno sguardo sulla contemporaneità:  gli ironici slittamenti semantici dei titoli delle opere  sono la cartina tornasole della nostra condition humaine di dipendenti di una società molto particolare, la società contemporanea di chi butta via uno stipendio per comprarsi l’ultimo i-Phone e fa largo uso degli straordinari mezzi di comunicazioni ma non sa più comunicare.  Esempi? Una scultura De Molfetta d.o.c. di due putti neobarocchi intenti a conversare al cellulare ma senza esser in grado di comunicare “umanamente” e  intitolata “Porcelai-phone”. Oppure una porcellana dal titolo “Ti mette le ali”, dove la stessa tipologia di puttini trasfigura lo slogan del brand Redbull in un’opera d’arte sacra: l’opera di De Molfetta sacralizza e dis-sacra:  tu chiamala “critica delle armi di distrAzione di massa”, se vuoi.