Se i terroristi fanno finta di non vederci

0
645
ilgiornaleoff, emanuele beluffi
Mu'ammar Gheddafi (a destra) con Yasser Arafat (1977). Ph. Rex Features

Ha buttato lì giusto un paio di informazioni che potrebbero riscrivere la storia d’Italia degli ultimi cinquant’anni. L’ha fatto in un giorno di agosto, su il Giornale, quando i pochi che leggono ancora un quotidiano sono al mare a mostrare le chiappe chiare.

Tenendo conto poi del fatto che non appartiene al mainstream, c’è da scommettere che il suo articolo strepitoso passerà inosservato come l’uomo della folla del racconto di Poe.

Sto parlando di Paolo Guzzanti, che lo scorso lunedì 21 agosto ci ha spiegato il perché e il percome dello stato di grazia in cui l’Italia sembra trovarsi (almeno fino adesso….) rispetto agli eccidi terroristici dei mozzorecchi islamisti che stanno insanguinando l’Europa.

E’ presto detto: merito della politica estera di una classe dirigente che non c’è più.

Forse Aldo Moro non fu uno statista (mia opinione), ma è certo che gli accordi segreti e i contratti indecenti stipulati con l’OLP di Arafat e la Libia di Gheddafi, insomma con l’oltranzismo antiatlantico del mondo musulmano, servirono a preservare l’Italia, che di quel mondo per ragioni anche e soprattutto economiche aveva bisogno come dell’aria che respiriamo, dagli attentati terroristici primariamente diretti al suolo americano e al suo primo alleato Israele.

Quegli accordi vennero poi definiti lodo Moro e consistevano in un patto non scritto tra i servizi di sicurezza italiani, l’Eni che prima di Enrico Mattei agiva in Libia in modo sostanzialmente autonomo rispetto all’esecutivo italiano da cui dipendeva (quando poi l’imprenditore italiano volle rompere le uova nel paniere fu eliminato con l’incidente d’aeroplano a Bescapè: Pasolini ne parlò nel capitolo mancante di Petrolio, ma questa è un’altra lunghissima storia connessa a un libro introvabile e che vi racconterò più avanti), l’Olp palestinese e gli stati del mondo islamico: noi vi facciamo passare per di qui, ma voi ci lasciate stare. Come scrive Guzzanti, «occhi chiusi e portafoglio aperto erano gli strumenti di quella politica».

Questa pax islamica tenne con alcune eccezioni, vedi la strage di Bologna con ogni probabilità perpetrata dai terroristi del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina di George Habash che vollero punire l’Italia per aver permesso l’arresto di alcuni membri del gruppo in seguito all’eccidio dell’Achille Lauro.

LEGGI ANCHE:“Mani Pulite? Un colpo di stato a favore del Pci”

Ma Guzzanti ne butta lì un’altra: venuto giù il Muro di Berlino e con lui la Guerra Fredda, gli americani si vendicarono e tramite l’operazione FBI denominata “Clean Hands” (“Mani pulite”, appunto) fecero delegittimare per via giudiziaria un’intera classe dirigente dal Parlamento, soprattutto quella parte che li aveva fatto tanto incazzare con il lodo Moro, a eccezione degli ex comunisti, ritenuti invece  pronti a governare il nuovo corso italiano (non a caso il diabolico Henry Kissinger definì Giorgio Napolitano “il mio comunista preferito“).

Le prove di tutto ciò? In una libreria. Ma non in Italia, ‘chè il libro non è stato mai tradotto: “The Italian Guillotine”, di Stanton Burnett e Luca Mantovani.

Poi dice che leggere libri e giornali è inutile perché c’è l’Internet…

Articolo precedenteFestival di Casale Caletto. Con la cultura rinasce la periferia
Articolo successivoRoma è ridotta uno schifo!
Emanuele Beluffi
Milanese, dal 2008 cura mostre d'arte e scrive per i relativi cataloghi; nel 2009 inventa una rivista di critica d'arte (“Kritika”, con l’artista Mihailo Karanovic e il critico Stefano Mazzoni). Dal 2018 è responsabile di redazione a Il giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale. Ha scritto di arte su magazine specializzati. Autore, con Flaminio Gualdoni, della monografia sull’artista Andrea Mariconti per conto della galleria milanese Federico Rui Arte Contemporanea (Skira editore, 2012). Nel 2016-17 collabora alla campagna elettorale di Stefano Parisi come coordinatore del Gruppo Cultura di Energie PER l'Italia, organizzando la parte culturale del programma politico. È stato promotore editoriale (editrice Mursia), archivista in Fondazione Biblioteca di via Senato e Biblioteca d'Arte del Castello Sforzesco, agente editoriale (Librimport, libri illustrati d’importazione) entrando in contatto con svariate agenzie di comunicazione come Armando Testa, Lowe Pirella, Ogilvy, Leo Burnett et cetera e redattore in un'agenzia di pubblicità specializzata.