“Penso che il Papa non creda in Dio”

15
816

Un anno fa se ne andava un grande personaggio dello spettacolo italiano : Paolo Villaggio. Le sue frecciate fanno ancora chiacchierare. Per questo proponiamo ai lettori di OFF la sua intervista cult “politicamente scorretta”, perfetta da leggere sotto l’ombrellone in queste calde giornate estive. Buon week end  e buona lettura.

PaoloVillaggioInterviste

 

La prima domanda la fa Villaggio: “Lei quanti anni ha?” Rispondo: “Quaranta”. Villaggio: “Pensi che una volta a quarant’anni si era a metà strada, oggi voi iniziate la strada! Anche perché è aumentato il numero dei vecchi che non mollano. L’Italia si è trasformata, da Paese ricco a Paese povero. I quarantenni hanno difficoltà notevoli. Mi faccia pure le domande”.

Un episodio OFF della sua carriera?

Le interessa il racconto di quando Fabrizio De André per scommessa si mangiò un topo? Di notte, da ragazzi, andavamo a casa di uno che era paralizzato e che noi chiamavamo benevolmente “il paralitico”. Si andava da questo signore che aveva una porta-finestra che dava su un giardinetto fetido. Notte di tregenda. Io, Fabrizio e Gigi Rizzi, l’unico benestante. C’erano anche due ragazze bruttine. L’unico che aveva delle belle donne era Gigi Rizzi che era anche l’unico con dei soldi, si figuri era stato con la Bardot! Sentiamo un raspìo alla porta-finestra in legno…Vediamo un gatto nero che si erge sulle zampe, si alza e vomita un grosso topo. Urla di orrore dei presenti. Fabrizio, aveva una sua caratteristica, quella per vanità di stupire tutti, e  fa alla compagnia: “Questo topo, se mi date ventimila lire, me lo mangio!” e Rizzi: ” Te li dò  io!” Fabrizio: “Metti i soldi sul tavolo!” Gigi Rizzi tira fuori un lenzuolo di banconote e le mette sul tavolo. De André respirando come un sub, di colpo… senza rulli di tamburi perché non c’erano… si abbassa, morsica la coda del topo e la succhia come uno spaghetto cinese. Poi dice:” Non lo mangio tutto perché non ho appetito!” Applauso. Con le ventimila lire della scommessa ci invita a cena in un posto poco raccomandabile, frequentato da portuali e prostitute chiamato “Il Ragno verde” e ordina un piatto di fagioli con le cotiche. Vomitò. Il topo l’ha digerito, le fagiolane con le cotiche, no!

Mi racconta una serata al Derby di Milano invece? Chi era l’animatore del gruppo?

Chi aveva formato il clima comico portato al paradosso era Enzo Jannacci. C’erano Cochi e Renato, il povero Felice Andreasi, il bravo Lino Toffolo e altri minori. Jannacci quando mi ha visto per caso alla televisione, mi è venuto ad aspettare alla fine delle registrazioni e mi ha detto: “Ti do ventimila lire a serata!” Io avevo cominciato a lavorare con Maurizio Costanzo e prendevo mille lire a sera. Jannacci ha detto fino alla fine che gli dovevo duecentomila lire. Ci divertivamo a raccontare cose strabilianti. Al Derby si rideva dei paradossi di Cochi e Renato. Io presentavo con un tono afflitto: “Adesso, presenterò un numero ripugnante!” e questo faceva ridere. La televisione si toglieva finalmente la maschera della bontà, del perbenismo.

Chi sono stati i suoi maestri?

Nessuno. Io e Fabrizio De André eravamo cresciuti assieme. Si usava l’arma del paradosso, dell’antiretorica, lo stesso linguaggio usato poi al Derby. Io dicevo: “Signore e signori, sono in grande imbarazzo, non so che cazzo fare!” Il Derby era un piccolo trionfo per me. In Televisione poi, non c’era lo share di adesso. L’unica trasmissione era quella.

Maurizio Costanzo ha dichiarato in un’intervista qui al giornaleOFF: “Il merito di Villaggio è quello di aver creato due personaggi, Fantozzi e Fracchia, che sono dentro ognuno di noi”. La domanda è: come si troverebbero oggi con Facebook e gli sms?

Non è un fatto di condizione sociale. È un fatto di età. È successo che negli ultimi 15 anni che l’arrivo dei telefonini ha cambiato la nostra vita totalmente. Una volta c’erano i telefoni a muro, neri, attaccati alla parete, con la rotella. Fracchia e Fantozzi sarebbero tagliati fuori. Io ho 81 anni e sono fuori dai messaggini, dai telefonini, che non so usare. Non so scrivere i messaggi! Fracchia e Fantozzi appartengono a un’altra era. La diagnosi? Quelli della mia età hanno un cervello strutturato in maniera diversa. Il vostro cervello giovane, è plastico, si adatta alle esigenze. Il nostro, quello degli ottantenni, si è dedicato soprattutto alla memoria.
Avevamo una memoria prodigiosa, facevamo le gare a memorizzare i numeri di telefono. Oggi c’è la rubrica sul telefonino.

Questa è anche l’epoca della distrazione. Le capita di osservare la gente che cena in un ristorante? Tutti attaccati al telefonino…

Ma questo è un disagio. Quasi tutte le ragazze di oggi sono un po’ maleducate. Quasi tutte. Certe, anche fascinose, importanti, mentre stai parlando con loro, tengono sotto il tavolo il telefonino. E tu: “Ma cosa fai?” e loro: “Niente!”
Oggi si usa il cervello in un’altra maniera. Se domandi a questa ragazza cosa fanno la sera in televisione, lei tira fuori il telefonino e ti risponde. Credo che l’uso di quello che lei chiama social network sia invece una vera e propria setta.

“Viviamo in una sottile dittatura, strisciante, subdola, quella del pensiero unico”. Lo ha detto lei ricordando Pasolini…

È così. Prima c’erano meno dittature. Adesso vedi il campionato mondiale di calcio? I capelli dei calciatori. Una volta avevano dei capelli umani, poi sono arrivati i capelloni..adesso sono rasati, soprattutto i neri. C’è una dittatura nel modo di vestire: gli occhiali, le scarpe, ma soprattutto i capelli. È una dittatura occulta, che ti impone dei comportamenti e tu li subisci. Non è pericolosa.

C’è stata in Italia un’egemonia culturale della Sinistra? Per decenni qualcuno ci diceva cosa leggere, cosa andare a vedere, quale spettacolo era “in” e quale “out”. Un personaggio ha avuto il coraggio di gridare contro la Corazzata Potëmkin..!

Fantozzi!! Fantozzi era un’esplosione! Perché ha avuto quella fortuna enorme? Perché finalmente criticava questa imposizione: doversi travestire da tutti.
La Sinistra pensava di predicare libertà invece predicavano una cultura modificata dagli intellettuali che erano, bada bene, tutti travestiti da estrema sinistra. Questa è l’epoca del cambiamento e allora, bisogna sperare che un certo tipo di passato(fascismo e stalinismo) non ritorni. C’è stata una manipolazione della Cultura. L’atteggiamento che avevano era: “Tu sei vecchio, obsoleto e sei purtroppo un con ser va to re… Te lo dicevano anche con un certo tono.

Nell’ultimo film di Veltroni si chiede a un gruppo di ragazzi: “Chi è Enrico Berlinguer?” Le risposte sono agghiaccianti e ricordano il suo geniale libretto “Come farsi una cultura mostruosa”…

Berlinguer chi era? Una ballerina?

Ai ragazzi non interessa più la Storia?

Ai giovani non interessa la Storia perché non ci credono più

Viviamo in tempi di consenso unico e dolciastro secondo lei? Oggi bisogna proprio piacere a tutti?

È vero. Renzi ad esempio deve piacere a tutti perché è un politico. Deve fare grandi numeri. Temo che anche il Papa, che parla come Papa Giovanni, che è un bacia bambini; appena vede un bambino, lo punta e lo va a baciare. Il Papa e Renzi sono il trionfo dell’ovvio. Questo Papa si affaccia alla finestra e dice: “Buon pranzo!” Dice cose ovvie! Renzi e il Papa non possono essere completamente normali e buoni. Il politico si maschera da buono perché cerca il consenso. I grandi buoni oggi si vergognano della loro bontà.

Anche il Papa?

Temo di sì. Temo che il Papa non creda in Dio!

Come, scusi?

È molto difficile per un uomo di cultura credere in Dio. Come si fa a credere alla verginità di Maria? È impossibile! L’universo è fatto di miliardi di miliardi di galassie che si allontanano tra loro alla velocità della luce. L’idea dell’uomo solo nell’Universo spaventa moltissimo.

Cosa ha capito degli Italiani?

Gli italiani sono come sono io: pigri, poveri, soprattutto poveri di interessi. Ci siamo spenti nel dominio borbonico. Abbiamo creato la Mafia. Abbiamo esportato Cosa Nostra. Questa è la nostra fama. La cultura tedesca invece è stata straordinaria e paradossale: Kant e Goethe hanno convissuto con Hitler. La Germania è sempre paradossale e io l’ho usata nel mio repertorio comico.

La mediocrità nel mondo dello spettacolo oggi sembra la regola. Anzi, è richiesta…

Questa è la Televisione! I numeri, i grandi numeri portano a questo. Torniamo ai capelli di Balotelli. I barbieri sono disperati perché i ragazzini vogliono i capelli alla Balotelli. Una certa mediocrità arriva dovunque. Se usi il linguaggio di Pasolini non riusciresti ad avere i grandi numeri, forse non vai da nessuna parte.

Un ricordo di Berlusconi. Lei lo ha conosciuto sulle navi, è così?

Berlusconi era credibile, non era mediocre. Lui indubbiamente aveva il senso della conquista dei favori della gente. Era nato con l’idea di fare fortuna nella vita. Diceva: “Ragazzi, qui perdiamo tempo!”, a me e a Fabrizio quando lavoravamo sulle navi diceva: “Noi dobbiamo affittare un capannone vicino Milano e fare noi una televisione privata!”. Io e Fabrizio ci facevamo segno col dito sulla tempia: “Questo è pazzo!”

Poi l’ha fatto!

Lui ha regalato agli italiani la televisione privata che non costa nulla a differenza di quella pubblica dove si paga il canone. Ha regalato una televisione mediocre, diciamo la verità. La televisione statale cercava di fare concorrenza a Berlusconi abbassando il livello. L’ha resa più banale.

Pubblicità!

Oggi però la pubblicità potrebbe rappresentare il cinema più evoluto, più brillante, fatto meglio. Ci sono spot pubblicitari che sono geniali. Si rimpiange ancora Carosello!

Oggi Villaggio, invidia qualcuno?

Ho sempre evitato di frequentare la gente di grande successo, perché sentivo che c’era la voglia cattiva di esibirlo, questo successo. Appena ho avuto fortuna nella vita , ho cominciato a fare l’invidiato. Andavo al Caffè della Pace, dietro Piazza Navona, da solo. Fingevo di non ricordarmi i cognomi, li storpiavo, cioè facevo l’invidiato. Tornavo a casa la sera quasi cantando!

Il successo rende stronzi?

Perché mi fa questa domanda? Allora devo pensare che lei mi annovera… I grandi uomini non hanno bisogno di essere stronzi. Einstein non era stronzo! Io sono completamente guarito dall’invidia.

C’è qualche deficiente che ogni tanto, su internet, lancia la notizia della sua morte. Porta bene, lo sa? Allunga la vita!

Se allungassero la vita, queste dichiarazioni le farei io.

Come immagina il suo funerale?

Ho deciso di non farlo. Ho un timore: che Benigni non venga. Veltroni mi ha detto che parlerà e anche Francesco Rutelli. Gli amici non ci sono più. Gassman a parlare era l’ideale e poi c’era Fellini. Giancarlo Giannini ho paura che non venga e quindi il funerale non lo faccio. Vengono solo quelli che non sanno dove cazzo andare. Consiglio finale ai nonni: cercate di diventare ricchi se non volete essere abbandonati sull’autostrada!

Ultima domanda: un sogno di Paolo Villaggio?

Un viaggio in Transiberiana di ventisei giorni con Ugo Tognazzi. Tognazzi diceva la verità, non era premeditato. Un vero amico.

15 Commenti

  1. L’unica certezza intangibile per il Pampero (Vaticanizio) sono gli oboli che scuce al popolo Bue Italiota,il finanziatore occulto (apponto vero Italiota)della sua invasione,distruzione programmata Meticcia.

  2. Renzi e Bergoglio sono il trionfo dell’ovvio! Ma non si rende conto questo “triste” individuo delle corbellerie che dice??? Papa Francesco è il capo spirituale di miliardi di cristiani, quel che dice lo dice perché è giusto dirlo. Renzi è un poveraccio messo in un posto che neanche riesce a sostenere in maniera adeguata. Purtroppo quando incombe la senilità coloro che non hanno saputo invecchiare nel modo giusto dicono scemenze! Villaggio è uno che riesce a fare ridere, questo è innegabile, ma non è né una persona intelligente né una persona con adeguata cultura. Tra l’altro ormai non fa che ripetere le stesse cose da un gran numero di anni, tipo la questione del topo ingoiato da de andré, che fa anche un po’ schifo!!! Forse sarebbe bene che se ne stesse a riposo, in fondo la tarda età non gli consente più lucidità di pensiero.

  3. Il nuovo che avanza…Sta storia del topo e di Tognazzi l’avra’ raccontata centinaia di volte. Sempre le stesse cose. Basta. Non se ne puo piu’. A suo tempo ha fatto ridere rappresentando l’italiano medio pusillanime e lecca piedi, figlio della resistenza, ma ora basta. Lasciatelo morire in pace.

  4. Il tempo passa per tutti e – a volte – senza rispetto. Lui non guarda in faccia nessuno … nemmeno quelli che – per la loro età – si sentono (ingenuamente) autorizzati a scherzarci.

  5. Paolo Villaggio, il trionfo del niente. Un giullare scoppiato, oggi ben oltre il viale del tramonto, che non resterà nel cuore di nessuno.

    • Sarai anche un accademico, ma un commento cosi’ idiota non l’avevo mai letto.

    • Sul papa e renzie ci ha azzeccato…Il nulla… Il primo si trova a coprire una carica abusiva il secondo e’ contro la chiesa stessa…

  6. Renzi? Bergoglio con la faccia da droghiere? Da quel gesuita che e’ fara’ solo finta di credere alla verginita’ della Madonna, come d’altronde noi che,ai bei tempi della goliardia, cantavamo in coro: “Gesù Cristo in croce gridava santoddio , se la madonna è vergine, di chi son figlio io?”

  7. caro signor villaggio, mentre lei parla di cultura, di fianco a destra dell’intervista che le è stata fatta ,in grigio, c’è un manifesto intitolato “manzoni cultura” leggendolo , ti aspetti che si discuterà di arte , di teatro ecc. e in vece si parla di barbara d’urso , di questo passo l’umanità andrà in autoestinzione nel giro di quattro generazioni(certo non solo per personaggi coma la durso ma per tutto ciò che sta succedendo nel mondo impazzito)

    • ” SONO IMBONITORI E BRICCONI” che invocano per convenienza Marx, Lenin, Mao Tse Tung, ma hanno come modello la vita pratica Gargantua, Pantagruel, Mammona, il “dio denaro”

  8. per una volta concordo con Villaggio: questo Papa, intendo Bergoglio, è un populista intriso di ovvietà e mediocrità, mentre la chiesa avrebbe bisogno, in questo momento di rifiuto dei valori veri da parte dell’ominicchio, di grandi uomini che sapessero condurre, stando in testa, e che sapessero parlare alla mente ed al cuore delle persone, non solo alla loro pancia ed ai genitali (sì, ho proprio scritto genitali).

    Chissà perchè Bergoglio lo rassomiglio sempre più con l’imbonitore Renzi….., stesso stile, stesso nulla dopo le parole pronunciate con enfasi da avanspettacolo.

    Albertzanna

    • Daccordo con te su tutto, Albert. A mio parere, nel momento cruciale di un nodo etico e sociale come le cosidette ” unioni civili ” è mancata una voce alta e autorevole come solo un Papa poteva essere. Assurdo che il pontefice si sia comportato alla stregua di Pilato con Cristo.
      Il peggior papa degli ultimi 50 anni…

    • Albert, di chi avrebbe bisogno la chiesa? Di uomini che parlino alla mente e al cuore delle persone con frasi tipo: “Aiutiamoli a casa loro”, “Prima gli italiani”, “Respingiamo i migranti” “Bombardiamo i barconi”? Rimango basito di fronte a certe affermazioni, che pensavo fossero appannaggio dei poveracci semianalfabeti lettori di Libero. Ora mi rendo conto che sono comuni a tutta la destra. Il papa DEVE parlare di amore, carità, fratellanza, accoglienza, tolleranza. Sono le parole di Gesù che, fino a prova contraria è la base, l’essenza del cristianesimo. Bergoglio è ostacolato e insultato dalla chiesa più conservatrice (e di conseguenza dai partiti dell’ultradestra) non per motivi di fede (non gliene frega niente a nessuno), ma perché sta cercando di combattere e ridimensionare potentissime lobbies economico-finanziarie all’interno della chiesa.

Comments are closed.