Il ritrovamento che cambia la storia dell’eros nell’arte

0

alberto-vargas---new-york-lducation-sexuelle_5473100943_oAlberto Vargas, Franz von Bayros, A. Modigliani,  Auguste Rodin, Mirko Vucetich, e un presumibile Klimt…porno!

Il sensazionale ritrovamento avviene grazie ad un erede residente nella città eterna che settimane fa si è messo in contatto con l’istituzione Italia Liberty al quale ha comunicato di aver trovato in casa rovistando negli archivi del padre una cartella contente centinaia di disegni di natura erotica/pornografica su carta. Pastelli, carboncini, matite colorate, acquerelli e chine datati da inizio Novecento agli anni dell’Art Déco assieme a qualche opera datata anni ’60. Si sono individuate subito prestigiose firme di autori che hanno segnato un’epoca. Tra essi l’illustratore Alberto Vargas, famoso per le ragazze Pin-Up apparse anche nelle copertine della rivista Playboy. Il presidente di Italia Liberty, esperto d’arte Liberty, Andrea Speziali ha analizzato con cura i disegni (oltre 200 opere che meritano anni di studi) deducendo che si tratta di un importante ritrovamento per la Storia dell’Arte in quanto colui che possedeva queste opere era certamente un magnate in contatto con tanti artisti del periodo e grande viaggiatore. La maggior parte delle opere è attribuibile a Mirko Vucetich, per questo l’erede romano si è rivolto a Speziali che per anni ha studiato l’artista. Vucetich è stato un poliedrico personaggio noto per la Partita a scacchi di Marostica. 

“Egli all’epoca era assai famoso e amico con tanti artisti ad esempio Filippo De Pisis. A casa degli eredi si trovano diverse opere di De Pisis che per acquisto o per scambio Vucetich ha raccolto. Negli scritti e documenti di Mirko V. già in passato avevo visto testimonianze scritte e fotografiche che testimoniano il contatto con personaggi quali Vargas, Modigliani e Rodin. Ma fino ad oggi non avevo trovato nell’archivio di famiglia opere di questi artisti di natura pornografica”, racconta Andrea Speziali

GUARDA LA GALLERY

[slideshow_deploy id=’370203′]

Diversi carteggi presentano nella carta un timbro speciale e quasi tutti sono datati e firmati. Le località riportate sono tra New York, USA e Parigi. I soggetti sono bordelli che si consumavano nelle case chiuse tra America e Francia. Al momento non sono stati analizzati tutti i disegni. Possibile qualche opera realizzata anche in Italia. I temi sono diversi, dal ritratto alla scena del bordello alle varie tavole come se fossero delle storie intitolate ”L’éducation sexuelle”, ”La belle faville”, ”Mytology” o ”Sexual life”. Tutti ben conservati con qualche macchia di muffa e umidità. Prossimamente si valuterà un restauro.

In vista di questa grande scoperta saranno esposte al pubblico per la prima volta alcune di queste opere in una piccola rassegna che sarà allestita a fine luglio nel fascinoso contesto del Palazzo del Turismo di Riccione dal titolo ”L’education Sexuelle. Il Novecento nelle case chiuse tra New York e Parigi”.