Fabio Raffaeli: “investo a Dubai perché in Italia non ci sono certezze”

1
191

investire-a-Dubai-Fabio-2Alla fine tutti noi, per un motivo o per l’altro, ci lamentiamo dell’Italia. C’è chi ha più remore e chi ne ha di meno, però ognuno di noi ha quella vocina in testa che gli dice ogni tanto “Vai via da questo Paese, vai via fidati”. Per carità, nessuno è obbligato a seguire quel consiglio, ma molti lo fanno. E questo è il caso di Fabio Raffaeli, giovane imprenditore nostrano che con il suo business e la sua dedizione ha portato quello che si può definire come un nuovo format; aiutare gli italiani ad investire a Dubai con il suo Investire a Dubai.

Ma Fabio, cosa manca all’Italia?

In Italia purtroppo mancano molte cose. Una di queste è la voglia di far sì che cresca a livello economico, senza un vero piano per gli investitori e senza leggi che sostengano lo sviluppo dell’economia e degli investimenti che in qualche modo potrebbero supportare la crescita del nostro paese. Non ricerchiamo più quell’eccellenza che ci ha sempre caratterizzati, mentre in località come Dubai sì.

Quindi stiamo vivendo un periodo di decadenza? Se sì, perchè?

Ahimè stiamo sicuramente vivendo una crisi, non solo economica, ma anche culturale e ideologica. Abbiamo questa paura intrinseca del futuro, che ci porta a non metterci in gioco, facendo sì che quella pro-attività che tanto potrebbe farci del bene, alla fine decada trasformandosi irrimediabilmente in una claustrofobica disconnessione con la realtà.

Come mai dici questo?

Perchè è la pura realtà. Viaggiando te ne rendi conto ancor di più. A Dubai si respira un’aria di cambiamento, fatta anche da investitori smart diciamo, che hanno sicuramente una visione più dinamica e aperta. E questo inevitabilmente porta ad uno scambio di idee incessante, che fa sì che si possa investire su quelle idee da noi tanto agognate, con modalità estremamente innovative.

EXPO in questo senso aiuta.IMG_2717

Certo che sì. Pensa che ci si è prefissati come obbiettivo quello di far arrivare a Dubai più di 25 milioni di turisti. Un’impresa figlia di questi pensieri, che sicuramente farà sì che ci sarà un considerevole aumento dei servizi, e perciò della qualità della vita. E ovviamente, siccome da cosa nasce cosa, tutto ciò attrarrà nuovi investitori, facendo sì che lo sviluppo possa essere costante e duraturo.

Un appeal che manca all’Italia.

Viviamo il disastro della burocrazia. Complicazioni portano solo remore, e questo gli investitori lo sanno. Il nostro governo non è Business Oriented, mentre lì sì. Hanno capito di essere un ponte tra il mercato orientale e quello occidentale, sfruttando tutto questo nel migliore dei modi. Noi potremmo sfuttare la nostra storia, il nostro patrimonio artistico, aumentando anche il livello di servizi, e la disponibiltà verso il turista e soprattutto verso chi vive in Italia. Che purtroppo troppo spesso scappa.

Probabilmente dando seguito a quella vocina. “Vai via da questo Paese, vai via fidati”

VISITA IL SITO:  https://investireadubai.com/ 

1 commento

Comments are closed.