SottoMettimi a primavera: discrezione e colori a volontà

0
118

18486275_1331598430251397_7816046805451462676_nTroppo facile a dirsi? Ebbene, lo diciamo comunque: “La moda passa, lo stile resta”. Sulle tracce di uno stile inconfondibile SottoMettimi si avvia a presentare, da fine giugno, la Collezione Primavera-Estate 2018. “Cerco di produrre un tipo di maglieria raffinata che si faccia notare per eleganza e dettagli fashion di tendenza senza mai ostentare”, spiega Luigi Perna, il titolare. SottoMettimi, brand nuovo e innovativo, si propone di diventare un punto di riferimento per clientele esigenti e attente al rispetto ambientale, nelle boutique europee e mondiali.

Nella nostra rubrica abbiamo già scritto dei principi produttivi eco-sostenibili del brand e dei filati d’eccellenza, lana merino e seta, in un connubio di frusciante leggerezza.

Resta da soffermarsi sul design, che tratteggia un look easy-dress & no season: in parole povere capi di maglieria facili da indossare e adatti a tutte le stagioni, dai rigori dell’inverno alle fresche sere d’estate. In ogni collezione SottoMettimi è facile cogliere la continuità della filosofia del brand, è chiaro l’intento di dare riferimenti ben identificativi a chi sceglie questo stile di vita: la riscoperta della semplicità, la voglia di sicurezza in un contesto di insicurezza generale, il buon gusto. Valori che attraverso il modo di apparire vogliono trasferirsi nel modo di essere, quasi a sfatare il detto che l’apparenza inganna.
I volumi dei capi sono uno dei punti di forza del marchio, proprio per facilitare chi vuole sentirsi a proprio agio in ogni occasione, i dettagli sono sempre femminili e discretamente sensuali. Capi eclettici nella18341688_1325398094204764_1127515505028912673_n quotidianità caratterizzati da trend di colori che possono essere tratti dall’estro fantasioso di elementi che vengono dapprima immagazzinati e poi sprigionati, oppure esplicita espressione della realtà o ancora memorizzati da sfumature che attraversano i nostri sogni, per un messaggio di personalità autentica e sognante quanto occorre.

Spiega Perna: “Per soddisfare i bisogni emotivi degli acquirenti, individuo e personalizzo le tendenze, abbino i colori della natura a quelli che colgo ad esempio nei teatri, negli stadi, sui mezzi di trasporto, nei nuovi stili di arredo e nelle nuove architetture che si confondono con quelle del passato”. Informazioni visive che si traducono in palette estremamente varie e ricche di nuances introvabili altrove.