In Friuli, il turismo si fa con le fate

0
70
Tatiana Dereani
Tatiana Dereani

In quest’epoca dove i giovani sono dediti alla creazione di start-up, nuovi software, siti ed applicazioni all’ultima moda, dove impazzano i video tutorial su youtube anche per preparare la polente, c’è chi con coraggio promuove il proprio territorio, riscoprendo e facendo scoprire radici antiche di una terra magica: le leggende immortali del Friuli Venezia Giulia.

Tatiana Dereani co-autrice, insieme a Barbara Bacchetti, del libro “Agane. Fate d’Acqua” (Anguana Edizioni, pagg. 256, € 20,00), grazie anche ai meravigliosi scatti di Elido Turco, propone un’interessante e coraggiosa possibilità turistica: il “turismo esperienziale”.

Lis Aganis  sono le Fate d’Acqua tipiche della tradizione friulana: figure femminili che spesso vivevano una vita normale di moglie e di madre ma che, nel loro intimo, custodivano un segreto da tramandare di madre in figlia.

Tatiana, dopo aver studiato Scienze e Tecniche del Turismo Culturale ed aver conseguito un Master in “Valorizzazione turistica dei beni ambientali e culturali” presso Università degli Studi di Udine, lancia questo nuovo progetto che potrebbe innalzare in maniera esponenziale le capacità turistiche di questa meravigliosa regione, in particolare di “punti” non particolarmente turistici, come la Carnia e le Valli del Natisone.

Leggende immortali, arcane radici d’identità sociale per combattere il relativismo odierno: riscoprire la vita del mondo dall’Antico, per trovare la propria Via per il Futuro.

Con il progetto “Aganis Spiritual Experience”, proposto all’interno del libro “Agane.Fate d’Acqua” e sul sito www.aganispiritualexperience.it , Tatiana propone il turismo esperienziale: un nuovo modo d’intendere il turismo. Il turista interessato a questo progetto può, attraverso il sito, scegliere percorsi tematici da seguire (anche con l’ausilio di guide esperte), ristoranti ove consumare i prodotti tipici e persino trovare negozi di artigianato tipico.

agane-fate-acqua-libro

Come per il cibo, ove dopo la pazzia dei fast food si sta pian piano riscoprendo ed apprezzando la necessità di locali low food, allo stesso modo Tatiana si pone in completa contrapposizione al turismo “mordi&fuggi” tipico del nostro tempo. Partendo dalla scoperta culturale e meta-spirituale di musei ed ecomusei, si potrà arrivare a camminare nei “sentieri delle Agane” o rilassarsi nelle terme, con a latere attività quali accenni di fitoterapia, la meditazione, lo yoga, il free climbing, lo sci e persino provare ad imparare i mestieri tipici delle Agane, quali filare la lana o la seta e l’arte degli intarsi.

Se volete staccare la spina dalla mondo globalizzato ed inutile nel quale ci costringono a vivere, affidatevi a Tatiana e venite in Friuli Venezia Giulia a riscoprire le vostre radici universali.

Articolo precedenteFrancesca Anna Bellucci: “Recitare mi ha salvata dal bullismo”
Articolo successivoPerché l’Islam odia le arti figurative…
Autore del libro “Nazislamismo” (Ed. Solfanelli), la cui presentazione è stata curata da Magdi C. Allam. Ho prestato servizio come Volontario nell’Esercito Italiano in gloriose Brigate quali la Brigata Alpina “Julia” e la Brigata Paracadutisti “Folgore”, per poi transitare nell’Arma dei Carabinieri ove ho raggiunto il grado di Maresciallo. L’amore per la politica sboccia sin da giovanissimo: a 15 anni venivo eletto quale Presidente del Circolo “Sergio Ramelli” di Azione Giovani di Avetrana (TA), la mia città d’origine.cOggi, sono Consigliere Comunale e Capogruppo Consigliare per “Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale” a Tarcento (UD).Fermo sostenitore dello IUS SANGUINIS, quale elemento necessario di coesione sociale e culturale, sono stato il primo politico del Friuli Venezia Giulia a raccogliere firme per poter presentare una petizione contro la proposta di legge per la cittadinanza italiana agli immigrati denominata “IUS SOLI TEMPERATO – IUS CULTURAE”.