Paolo Baratta: “Una Biennale politica non politicizzata”

0
48

IMG_2644La 57ma Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia apre sabato 13 maggio, ancora una volta – come già nella precedente edizione – anticipando di un mese rispetto alle aperture precedenti. Ed è nel segno della continuità che questa ennesima Biennale presieduta da Paolo Baratta si pone: ancora una volta il focus viene posto sull’osservazione del fenomeno della creazione artistica nel contesto contemporaneo e del rapporto tra l’artista e il pubblico, come già abbiamo potuto osservare nelle ultime tre edizioni. Se Bice Curiger nel 2011 rivolse la sua attenzione all’illuminazione, alla percezione e al rapporto tra artista e spettatori, Massimiliano Gioni nel 2013 alle forze creative interiori che spingono l’uomo a divenire artefice per sé e per gli altri e Okwui Enwezor nell’ultima esposizione a come l’attuale “age of anxiety” sia decisiva nello stabilire l’imprescindibile legame tra l’arte e la realtà sociopolitica umana, Christine Macel chiude quest’anno il cerchio ponendo al centro della manifestazione l’Uomo Artista; indagandone profondamente i meccanismi, ciò che conduce, giorno dopo giorno, dal concetto all’opera ed infine al rapporto con il pubblico. Il Presidente nel 2015, in occasione dell’ultima Biennale, parlava giustamente di una sorta di “trilogia” relativa alle tre esposizioni più recenti. Il discorso però non pare essere concluso, e l’approccio in forma di ricerca – caratteristica ormai peculiare delle esposizioni da lui presiedute – torna a manifestarsi in maniera decisa. Baratta, oltre a ribadire – assieme a Macel – il concetto che l’arte sia un atto non di accomodamento o di consumo, ma di libertà e resistenza, vuole che il pubblico possa rendere l’arte stessa sempre più propria e considerare la Biennale come una dilatazione di sé, sottolineando nuovamente la funzione pedagogica dell’esposizione: non già come imposizione di un’idea, ma come accompagnamento alla conoscenza, che deve essere soprattutto emotiva piuttosto che letteraria. Lo scopo è quello di “fare scoprire che ci sono altri mondi che si possono desiderare”: e per farlo, oltre al “viaggio” pianificato da Macel tramite i nove transpadiglioni tematici che indagano le ispirazioni e i temi degli artisti e li suddividono in “famiglie”, questa esposizione si caratterizza per le molteplici iniziative volte all’incontro con l’artista in un contesto di fertile tempo libero. L’utilizzo del tempo libero – massima conquista della modernità assieme al benessere fisico – è una questione importante, e la soluzione proposta dall’artista è quello di usarlo per trasferirsi verso un mondo più vasto, più ampio e dilatato: un invito a essere dei coerenti cittadini del mondo, non solamente dei consumatori affrettati. E pranzando e discutendo con gli artisti, o ancora osservando la loro quotidianità, ponendo l’attenzione sul loro otium inteso – come da etimo – in chiave costruttiva, piuttosto che sul negotium, cui attiene la parte più “professionale” dell’artista (per tacere della componente del “bellum”, che Christine Macel ha giustamente escluso rispetto alla frase ciceroniana), il pubblico della Biennale può trarre preziose e illuminanti indicazioni, oltre che percepire l’importanza della figura dell’Artefice nel contesto sociopolitico odierno. Abbiamo posto a Paolo Baratta tre domande.

Una nuova Biennale dalla forte connotazione sociopolitica. Rispetto alla precedente però non ci pare vi siano state “critiche” relative alla politicizzazione dell’esposizione…
“Politicizzata” non è sinonimo di “politica”: qualcosa è politicizzato quando ha una tinta particolare per quanto riguarda le ricette sul nostro futuro.

Ma è possibile fare arte contemporanea che non sia politica?
È possibile fare una Biennale che sia politica: la Biennale può essere altamente politica se parla di noi, cercando di aiutarci a conoscere meglio quello che siamo. E se nel mondo l’atteggiamento generale è quello di restringere i propri orizzonti a poche verità, a poche identità, a pochi frammenti una Biennale che insiste sul dilatare, insiste sul fatto che l’uomo sia tante cose insieme e attraverso molteplici e diversi padiglioni mostra al visitatore diversi specchi di sé stesso è una Biennale che sta facendo politica.

Quale è stata la reazione degli artisti all’idea del confronto e dell’incontro diretto col pubblico? Senza fare nomi, c’è stato qualcuno “da convincere”?
Non ne ho notizia. Piuttosto possono esserci degli impegni che non consentano alcune date.
Gli artisti in realtà sono abituati, ognuno di loro ha già il suo kit: le sue immagini, il suo video… Non vengono dalle caverne, hanno già la consuetudine di presentarsi e di presentare il proprio lavoro. Certamente farlo in questo modo, per dare l’occasione al visitatore di rapportarsi con loro, è meno comune: poter avere una certa dimestichezza con l’artista e la possibilità di fargli delle domande dirette intorno a un tavolo – che è, appunto, il momento dell’otium, il momento nel quale ciascuno cede un po’ di sé stesso e si considera più libero, più autonomo – è una modalità particolare che avvicina, favorisce il dialogo e aiuta a capire e a capirsi. Chiaramente è stato fatto in funzione del pubblico più che non degli artisti, ma è stata da essi assolutamente condiviso. La decisione, l’idea è stata ovviamente della curatrice nel contesto del suo percorso: la tavola col cibo, diciamo, è stata apparecchiata da lei; ma poi chiaramente tutto ciò che capita è il risultato di un pieno accordo.