Bambini: filosofi in erba specializzati in utopie

0
16

Stando a un adagio popolare “i bambini capiscono tutto”. Più realistico affermare che comprendono più di quanto non si creda. Ma che potessero accedere alla filosofia forse non lo avremmo creduto possibile. A differenza delle 5081Edizioni Ets, specializzata in opere del pensiero, la quale ha appena lanciato la collana Le Tartarughe (Per filosofeggiare a misura di bambino) e noi festeggiamo la lieta novella. Perché i più piccoli hanno il diritto di accedere al ragionamento, e questo ultimo tutto dev’essere fuorché uno sterile discutere tra professori relegati in un club esclusivo.

L’iniziativa esordisce con Utopie di bambini. Il mondo rifatto dall’infanzia di Luca Mori (pp.166 € 14), il quale, ricercatore presso l’Università di Pisa, fa attività di transumanza tra scuole e organizzazioni dedicate all’infanzia per promuovere il suo verbo: i piccoli creano sistemi di pensiero a modo loro e lui li analizza empiricamente. Il libro è il resoconto di un viaggio di oltre 10.000 chilometri attraverso molte regioni d’Italia per raccogliere le utopie di bambine e bambini di età compresa tra i cinque e gli undici anni. Dieci anni di conversazioni raccolte in questo testo prezioso, anche per gli operatori dell’infanzia, perché è uno spaccato veritiero sull’immaginario utopico e politico dell’infanzia. Tra disegni e conversazioni, genitori e insegnanti capiranno più a fondo chi sono e cosa pensano le creature con cui dividono la vita o il tempo.

È questo un metodo per rifondare la società, che appartiene a chi nasce e non certo ai morituri. 5073Del resto lo stabilì Platone nel Dialogo Repubblica, in cui i bambini occupano un ruolo centrale: per attuare al meglio la nuova costituzione infatti il sommo greco propone di applicarla a una polis di cittadini che non hanno superato i dieci anni di età. I cittadini di domani. Perché una società che crede nel futuro tutela gli anziani, ma è i più piccoli che vuole formare, partendo dal loro status, non di tutelati, ma di cittadini in fieri. Leggere il libro di Mori è una gioia piena di sorprese sulla precocità dell’intelligenza e regala una nuova speranza per il domani. Non perdetevelo.