Carolina Rey: “Non è vero che in TV si lavora grazie alle raccomandazioni”

0
7

IMG_0846Ogni martedì in seconda serata la vediamo su rete4 nella squadra del programma “La settima porta” ed è anche nel cast di due programmi targati RaiRagazzi: “Next” ed “Extra“. È un periodo d’oro per Carolina Rey, che venerdì prossimo (alle ore 20 presso la Casa del Cinema di Roma) presenterà al pubblico, nell’ambito del festival “Tulipani di seta nera“, il cortometraggio “Last chance” che segna il debutto alla regia di Alice Bellagamba.

Ti stiamo vedendo, ogni martedì, su Rete4 con “La settima porta”: un bilancio?
Più che positivo, un’esperienza di vita fantastica che mi ha dato modo di conoscere grandi professionisti e di sperimentare per la prima volta con un programma scientifico. Sono grata a Sebastiano Lombardi, direttore di Rete4, per avermi dato quest’occasione unica e spero che dopo La settima porta seguano altre collaborazioni.

Ci racconti un aneddoto legato alle riprese?
Ce ne sono tanti, tra si è creato davvero un bel gruppo di lavoro.  Mi son divertita molto, ci siamo fatti tante risate… La cosa che mi ha fatto divertire di più è stato il lancio in paracadute con tanto di capocciata per salire in elicottero e caduta in atterraggio… 

Tra le tue avventure “spericolate” che hai vissuto in ogni puntata, quale ricorderai?
Tutte. Ogni esperienza è stata spettacolare e unica nel suo genere. Dal giro in elicottero a quello sulla Ferrari, dal lancio in paracadute fino alla discesa in apnea con la Molinari.

Prosegue anche il tuo impegno con RaiRagazzi: attualmente di cosa ti stai occupando?
A Rai Ragazzi è il mio quinto anno e sono fiera di far parte di questa famiglia. Mi occupo dei servizi esterni di due programmi: “Next”, contenitore che tratta diversi argomenti, dalla cucina allo sport, ed “Extra”, un programma dedicato alla scienza e allo spazio.

Quale vorresti fosse il prossimo step della tua carriera?
Mi piacerebbe proseguire la gavetta che sto facendo, continuando a collaborare con Rai Ragazzi e magari iniziando qualche nuovo programma dedicato ad un pubblico di adulti. Sto studiando anche come attrice quindi piano piano mi piacerebbe crescere anche in quel settore.

Del mondo dello spettacolo, tra i luoghi comuni, qual è quello che ti dà più fastidio?
Mi dà fastidio che si pensi che le belle donne siano poco intelligenti. Non ritengo sia vero, visto che ci sono tante donne che lavorano in televisione, che son belle e allo stesso tempo delle grandi professioniste. Mi dà fastidio che si pensi che solo tramite raccomandazione si possa lavorare in questo settore, non è così. Perseveranza, talento e studio portano sempre a un risultato anche in ambito artistico.

Poseresti per un calendario sexy?
Assolutamente no, non mi piace mettere in mostra il mio corpo.