“Così il mio corpo e la mia mente sono rinati”

0
314

giulia-calcaterraHo conosciuto Giulia anni fa; da poco aveva finito la sua esperienza su “Striscia la notizia”: prima Velina ginnasta e credibilissima atleta mai salita su quel bancone; prima ed ultima ad essere sinceri. Dopo quell “sgambettamento” era bella, fresca, ma come dice lei “Una bandiera, non sapevo da che parte stavo andando, non sapevo cosa volevo diventare, sventolavo a destra e sinistra senza una direzione precisa.”
Il pezzetto di storia di Giulia Calcaterra (ragazza con una determinazione che mi ha sempre affascinata) che vorrei raccontare parte da lì: dalla fine di un’esperienza televisiva che non ha avuto seguito sul piccolo schermo perché, come ammette in prima persona: “Ero cambiata fisicamente. In questo ambiente l’immagine è tutto. Ero ingrassata. Colpa mia. Avevo dato per scontato che dopo il bancone di Striscia sarebbe arrivato tutto il resto. No, non è così. Adesso lo so.”
Ora però sembra non pensarci più di tanto, alla televisione, perché alla faccia di tutti quelli che non credevano in lei, Giulia si sta costruendo un mondo nuovo. Ed i social di fronte a questo suo nuovo modo di essere sembrano esserne colpiti.

Ma da dov’è partito questo “nuovo mondo di Giulia”?

“Da un viaggio. Non mentale ma letterale. Dopo quasi un anno dalla fine dell’esperienza di Striscia, dopo delusioni ed energie sprecate e buttate nel vuoto, ho deciso di partire per un viaggio. Per ritrovarmi. Per dedicarmi a cose che erano più vicine al mio modo di essere. Milano ed il suo modo di vivere non mi sono mai appartenuti. Non mi riconoscevo allo specchio, ero ingrassata ed ero diventata scontrosa, rabbiosa. Non andava bene. No. Via, cancellato tutto e sparita per un po’ dai radar”

E cos’hai ritrovato in questo viaggio?

“Me stessa, lo sport, il fitness. Lo sport è sempre stato un mio “momento felice”. Mentre mi “godevo la riscoperta” ho pensato: “ma se il fitness e lo sport mi hanno dato così tanto, perché non provare a ridargli qualcosa indietro?”

[slideshow_deploy id=’271185′]

E lì l’idea di dedicarti anima e corpo a questo, a diventare una specie di riferimento, “influencer” come va di moda dire adesso, proprio di questo: fitness. Quanto è stato faticoso affrancarti dall’immagine della “velina bella, che balla e basta”?

“Più che faticoso è stato lungo. Un lavoro che mi è costato e mi sta costando energie e tempo. Ma va bene così: non puoi improvvisarti e importi come esperto di fitness e alimentazione dalla sera alla mattina. Devi dimostrare quello che sai fare, devi far capire al mondo che sai di cosa stai parlando. I social ti danno molto e moltissimo possono toglierti. Ho iniziato a lavorare seriamente su me stessa, i miei canali web sono diventati un po’ uno specchio del mio percorso. Alle critiche rispondo coi fatti”

LEGGI ANCHE: Se non ora, quando? Guarda. Le trentenni sexy che hanno incantato il mondo

I tuoi social sono tra l’altro gestiti indiscutibilmente bene. Hai un metodo da “imprenditrice” per svilupparli ?

“Si, uso un po’ logica e con la costanza ho portato il mio pubblico a interessarsi solo di quello che faccio a livello di estetica, benessere, sport. Sono riuscita a renderli disinteressati della mia vita privata e ora si aspettano e mi richiedono ormai esclusivamente un certo tipo d’immagine e di contenuto: parlo di bellezza, salute e sport senza puntare ad immagini che rappresentino una donna alle prese con i pesi della palestra troppo mascolina e rabbiosa. Questa tendenza social della “donna maschia” non mi piace. Io sono una sportiva che non rinuncia alla femminilità. Non vi ho mai rinunciato e lo ribadisco tutti i giorni 1451932738600.jpg--giulia_calcaterracoi mie post; sul web paga soprattutto essere se stessi, senza maschere. Il pubblico se ne accorge se li prendi per i fondelli e non ama sentirsi trattato da idiota”

Soddisfazioni dall’ormai passato 2016?

“Sono arrivata ad un punto della mia vita in cui ho imparato a dire “no”. E dire “no” a chi prima non mi concedeva altro che briciole del suo tempo e che ora è qui a elemosinare il mio mi da una certa soddisfazione. Sto collaborando con aziende che prima potevo solo sognare. E questo grazie al mio lavoro. E prima o poi firmerò una mia collezione di abbigliamento sportivo, un po’ come fa ormai da anni Rihanna”

E il 2017?

“Il 2017 è una sfida. E io sono molto competitiva. Io amo le sfide. Sono pronta ad accoglierle, una per una, a braccia aperte”