Moira Orfei la regina a Milano

0
9
img-20161204-wa0000Un grande tendone, nella zona dell’Idroscalo, con una scritta luminosa gigantesca “Moira”. È’ come da tradizione l’arrivo nel capoluogo meneghino, nel periodo natalizio, dello spettacolo del circo capace, da sempre, di incantare i bambini e di generare nei grandi suggestioni spesso irripetibili. Personalmente sono nato e cresciuto visitando e applaudendo il Circo di Moira degli elefanti. Quest’anno però manca qualcosa, qualcosa di importante: manca lei, la Regina. Moira Orfei e’ mancata pochi mesi fa e ha lasciato un vuoto profondo, incolmabile. Talmente profondo che il marito, Walter Nones, non ha retto la solitudine di quella meravigliosa storia d’amore che è stata la loro.

Un sodalizio artistico e umano quello tra Walter e Moira che ripercorre con le migliaia di immagini la storia del nostro Paese. Moira icona di quella cultura popolare che solo apparentemente e’ semplice in realtà è’ profonda e colta. Una cultura che ha le radici nei nostri sentimenti e nelle nostre passioni; una cultura popolare capace di interpretare le nostre emozioni e renderle reali. Ho avuto la fortuna di incontrare Moira e Walter a Milano qualche anno fa. Un incontro intenso perché Moira era sempre intensa. Ogni saluto, ogni sguardo ti facevano comprendere come img-20161204-wa0002lei già capisse tutto di te. Avevo fatto visita al suo camper in cui viveva da sempre, nomade e affascinante guerriera dei nostri giorni. Ci penso alcune volte a quanto bene ha donato l’energica e bellissima Moira; ci penso quando parlo con Luca, cresciuto con loro, e vedo che lui si commuove al solo pensiero di quella donna e di quella famiglia straordinaria che sono gli Orfei. Oggi Moira e’ entrata nel mito della nostra cultura popolare e vive dentro i figli che, proprio a Milano , hanno voluto ritornare per suggellare quell’abbraccio affettuoso che ogni anno la “Regina” voleva regalare ad una città che tanto amava. Ma forse, pensandoci bene , Moira nel “mito” c’è entrata gia’ nel momento in cui è nata e adesso siamo noi a doverle restituire quell’abbraccio a cui tanto teneva.

www.moiraorfei.it