Eron, pareidolia e realtà al cospetto della street-art

0
66

arte_foto-1Con Eron (al secolo Davide Salvadei, nato a Rimini nel 1973) la street art indossa l’abito lungo. Dai vagoni e i muri dipinti illegalmente alle esposizioni istituzionali (a random: Palazzo della Enciclopedia Italiana Treccani,  Biennale di Venezia e Chelsea Art Museum di New York, Palazzo delle Esposizioni di Roma e così via, nonché l’affresco nella chiesa di San Martino in Riparotta a Rimini, primo street artist nella storia dell’universo). Eron tematizza il fenomeno percettivo della pareidolia: trasforma le tipiche macchie di umidità, muffa e ruggine su pareti, oggetti antichi o semplicemente “vecchi”, in stupefacenti soggetti figurativi col crisma della miglior pittura e in taluni casi la parvenza della tridimensionalità -clamoroso l’episodio di cronaca che lo vide protagonista, quando un solerte operaio del Mar di Ravenna stuccò un foro disegnato nel muro talmente realistico da ingannare chiunque.

Modulando l’intensità dello spray, Eron ottiene risultati straordinari, realizzando una composizionearte_foto-2 talvolta incorporea e “sabbiosa” come uno sfumato à la Richter e talaltra segnica ed elementare come un altro grande maestro, italiano, Tino Stefanoni. I risultati raggiunti con la pittura a spray sono insuperabili, al punto che un “profano”, vedendo le opere di Eron esposte nella galleria Patricia Armocida in occasione della sua recentissima personale milanese, si chiederà se si tratti di dipinti o addirittura fotografie. Non stiamo parlando delle performance  “più-vere-del-vero” tipiche dell’abusatissimo realismo pittorico che ha un po’ rotto le balle, ma del lavoro, assolutamente originale e personale, frutto di studio  e dedizione, di uno che rappresenta l’arte italiana fuori dai confini patrii. Imperdibile.

Articolo precedenteSpiati, sempre. La nostra libertà è in pericolo
Articolo successivoVi racconto… La leggenda di Bob Wind
Emanuele Beluffi
Milanese, dal 2008 cura mostre d'arte e scrive per i relativi cataloghi, nel 2009 inventa una rivista di critica d'arte. Dal 2015 collabora a ilGiornale OFF, spin off culturale web e cartaceo del quotidiano il Giornale. Dal 2018 è responsabile di redazione a Il giornale OFF. Ha scritto di arte su magazine specializzati. Autore, con Flaminio Gualdoni, della monografia su Andrea Mariconti (Skira editore, 2012). Nel 2016-17 collabora alla campagna elettorale di Stefano Parisi come coordinatore del Gruppo Cultura di Energie PER l'Italia, organizzando la parte culturale del programma politico. E' stato promotore editoriale (editrice Mursia), archivista in Fondazione Biblioteca di via Senato e Biblioteca d'Arte del Castello Sforzesco, redattore in un'agenzia di pubblicità specializzata.