A Riccione si riscrive il modo di dire addio alla vita da single

0
235

13730741_10210483393829565_463847834_oL’addio al nubilato e al celibato è da sempre un must irrinunciabile per gli sposi caratterizzato dall’organizzazione di una festa da parte degli amici più stretti dove generalmente, gli ingredienti principali sono cibo, drink, musica,una simpatica torta, risate e spesso piccole o grandi ‘tentazioni’ a cui i futuri moglie e marito vengono sottoposti. Per anni il festeggiamento si è standardizzato con cena, fiumi di alcool e con uomini in night e donne con sorpresa tutta muscoli che esce da una torta. Immancabili i “malumori” tra i futuri coniugi. La tendenza delle serate sexy di una volta si è poi “ammorbidita“con feste più sobrie, divertenti sorprese, giochi e imbarazzanti situazioni.

Oggi da Riccione arriva una vera e propria rivoluzione di costume che cambia la filosofia di divertirsi insieme ai propri amici. Spopola sulla riviera romagnola il Raduno Nazionale dei Futuri Sposi (Nubilati & Celibati) che si tiene ogni mese a Riccione con all’attivo numeri di partecipazione da capogiro, circa 400 persone a raduno, dove a regnare è il puro divertimento, curato ad hoc da Franco Cren presidente dell’organizzazione Magiaballa e il suo staff. “L’obiettivo del progetto è festeggiare nel rispetto del futuro coniuge divertendosi con gli amici –spiega Cren- tenendo saldi concetti e valori importanti come il matrimonio, la condivisione, l’amicizia, l’interazione, il rispetto, l’altruismo. Una vera festa in cui ogni singola compagnia diventa una squadra”.

Partecipano le comitive di future spose e sposi (o lei o lui della coppia), e i relativi amici che si ritrovano con altri gruppi provenienti da tutta Italia e affrontano insieme varie attività che vanno dai giochi in acqua, al trekking, 13823514_10210483388349428_2102704125_ndalle gare di go cart, alle cene spettacolo, prove di ballo, serate in maschera, concerti, aperitivi, nei migliori locali e lidi della città convenzionati con il format. Ogni raduno ha un tema diverso e un programma organizzato nei minimi dettagli: dagli spostamenti all’hotel, dai pasti, alle attività agli spettacoli. Si può scegliere se partecipare ad una sola giornata o all’intero week end con varie formule di prezzi. Nei restanti fine settimana si festeggia con il meglio del programma racchiuso in una serata:“La cena della grande sfida”. “Il nostro successo sono i grazie che puntualmente arrivano a fine di ogni iniziativa – dice Cren – e le facce felici dei nostri eroi che si sono sfidati nelle attività, tra aperitivi e serate in musica dove, oltre al divertimento, tornano a casa arricchiti di nuove amicizie e anche qualche nuovo amore”.

Il format è già pronto a decollare in altre città d’Italia.